rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Da Palermo con la droga in borsetta, arrestata una donna di 50 anni

Ad entrare in azione, è stata la Squadra Mobile della Questura di Agrigento. I poliziotti lo hanno fatto nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione contro lo spaccio di stupefacenti, controlli disposti – e ad ampio raggio – dal questore Maurizio Auriemma

Rientrava, da Palermo, con un panetto di hashish, tre dosi di eroina e tre flaconcini di metadone. E’ stata arrestata, in flagranza di reato, non appena ha messo piede – dopo essersi lasciata il convoglio ferroviario alle spalle – sui marciapiedi di scalo della stazione di Agrigento centrale. Una cinquantenne agrigentina, A. M. V., è finita nei guai per l’ipotesi di reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. L’arresto è stato già convalidato dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento che ha disposto, a carico della cinquantenne, la misura cautelare dell’obbligo di dimora nella città dei Templi.

Ad entrare in azione, nei giorni scorsi, è stata la Squadra Mobile della Questura di Agrigento. I poliziotti lo hanno fatto nell’ambito dell’attività di prevenzione e repressione contro lo spaccio di stupefacenti, controlli disposti – e ad ampio raggio – dal questore Maurizio Auriemma.

Non appena la donna è scesa dal convoglio ferroviario è scattato il controllo. La perquisizione realizzata dai poliziotti della Squadra Mobile ha permesso di far saltare fuori la “roba” che l’agrigentina custodiva all’interno della borsetta. Ed è dunque scattato l’arresto. Sembra scontato che la cinquantenne, già nota alle forze dell’ordine, fosse andata nel capoluogo siciliano per rifornirsi di hashish, eroina e metadone. Droga che, poi, verosimilmente – stando all’accusa – sarebbe stata spacciata ad Agrigento.

Non ci sono conferme istituzionali, ma appare scontato che, adesso, i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Agrigento stiano cercando di tracciare la strada seguita dalla cinquantenne agrigentina per arrivare ad identificare – laddove possibile – il pusher dal quale la donna si è rifornita. Non è la prima volta, né sarà l’ultima che vengono messi a segno degli arresti alla stazione ferroviaria di uomini e donne che rientrano da Palermo con delle droga. Perché il capoluogo siciliano era e resta il luogo privilegiato di approvvigionamento. Appena pochi giorni prima, sempre i poliziotti della Squadra Mobile avevano fatto scattare altri controlli mirati, alla ricerca di droga e armi. E in quel caso, durante una perquisizione domiciliare, gli agenti trovarono un ottantatreenne in possesso di un revolver perfettamente funzionante e pronto all’uso nonché di diverse munizioni. Il pensionato venne denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’ipotesi di reato contestata è stata quella di detenzione illegale di arma da fuoco e munizioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Palermo con la droga in borsetta, arrestata una donna di 50 anni

AgrigentoNotizie è in caricamento