Dopo sei mesi completati i lavori in via Ospedaletto Bontà

I lavori finanziati dalla Regione Siciliana, per un importo di 700 mila euro, hanno riguardato la realizzazione di un sistema di palificazioni e il rifacimento delle due condotte idriche

Sono stati completati dopo nove mesi i lavori per la realizzazione delle opere di consolidamento dell’area abitata in frana dalla via Ospedaletto Bontà alla via Giacco Calleia ad Aragona. I lavori finanziati dalla Regione Siciliana, per un importo di 700 mila euro, hanno riguardato la realizzazione di un sistema di palificazioni lungo l’asse viario in questione, oltre al rifacimento integrale delle due condotte per la regimentazione delle acque piovane e delle acque nere lungo la caratteristica scalinata di via Spinuzza.

Soddisfatto il sindaco Giuseppe Pendolino: “Con la riqualificazione e la sistemazione della scalinata di via Spinuzza diamo decoro ad una parte del centro storico. Inoltre sono stati eliminati i disagi e i pericoli per gli abitanti della zona. E’ l’inizio di una serie di opere pubbliche che la mia amministrazione si accinge a realizzare. Infatti, sono pronti ad iniziare i lavori per la riqualificazione del campo sportivo con il terreno di gioco che avrà l’erba sintetica, della palestra comunale, del Palazzo Principe lato Comune, dell’asilo nido, della sistemazione esterna della scuola Scifo e della scuola in contrada Agnellaro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento