menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Leone, liquami in mare: il sindaco vieta la balneazione

Il tratto interessato va da 200 metri a Ovest del collettore delle acque bianche del lido "Aster" fino a 200 metri ad Est del pozzetto sito all'altezza della traversa "Mare Nostrum". La decisione arriva in seguito alle segnalazioni che hanno denunciato un nuovo sversamento in mare di liquami

L'Azienda sanitaria provinciale di Agrigento aveva già consigliato al sindaco Marco Zambuto di prendere questa amara ma necessaria decisione i primi di giugno. Oggi, dopo un nuovo sversamento di liquami in mare, il primo cittadino ha emesso l'ordinanza con la quale vieta la balneazione nella zona di mare che va da 200 metri a Ovest del collettore delle acque bianche del lido "Aster" fino a 200 metri ad Est del pozzetto sito all’altezza della traversa "Mare Nostrum". La decisione arriva in seguito alle segnalazioni che stamani hanno denunciato uno sversamento in mare di liquami.

--> L'area interdetta vista dal satellite
Il personale dell’Ufficio comunale sanità è intervenuto sul posto, effettuando un sopralluogo, e comunicando che "si è verificato uno sversamento a mare di liquami della rete fognaria per il tramite di un collettore di acque bianche, sito nella zona del lido Aster ed un ulteriore sversamento di liquami da un pozzetto della rete fognaria ubicato all’altezza della traversa Mare Nostrum".
Spiaggia chiusa, dunque, fino a quando la Girgenti acque non concluderà i lavori necessari alla riparazione della condotta e comunicherà che il mare è tornato balneabile. 
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento