Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Menfi

Disordini al G7 di Taormina, anche un agrigentino tra i 40 imputati

Il ventinovenne Calogero Fabio Busterna, di Menfi, dovrà comparire il prossimo gennaio a processo per i fatti del 27 maggio. Il giudice De Francesco ha deciso il rinvio a giudizio per le violazioni alle prescrizioni del questore

C'è pure il ventinovenne Calogero Fabio Busterna, di Menfi, tra i 40 attivisti rinviati a giudizio dal giudice Monia De Francesco per i disordini avvenuti durante il G7 del 26 e 27 maggio 2017 a Taormina.

I quaranta sono adesso imputati per aver contravvenuto - secondo quanto deciso - alle prescrizioni del questore di Messina che, autorizzando lo svolgimento del corteo di manifestanti, aveva previsto la conclusione in piazza Abate Cacciola (piazza Municipio) mentre gli attivisti avevano proseguito la marcia giungendo allo sbarramento delle forze dell'ordine in prossimità di piazza dell'Abbeveratoio a Taormina il 27 maggio.

Con Busterna si ritrovano imputate persone giunte a Taormina da molte parti d'Italia. La prima udienza del processo si svolgerà l'undici gennaio 2022 al tribunale di Messina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini al G7 di Taormina, anche un agrigentino tra i 40 imputati

AgrigentoNotizie è in caricamento