Zanzara "Tigre" e virus Zika, l'Asp ai sindaci: "Disinfestazione senza aspettare"

La prevenzione realizzata nei tempi previsti dalle conoscenze scientifiche è la sola arma efficace contro malattie come rickettsiosi e leishmaniosi che tanto preoccupano in estate.

(foto ARCHIVIO)

Disinfestazione, derattizzazione e pulizia dei centri abitati entro aprile per colpire i cicli biologici dello sviluppo di microrganismi: primi fra tutti le larve della zanzara “Tigre” e quelle delle zanzare trasmettono il virus Zika. L’Asp ha scritto a tutti i sindaci dell’Agrigentino ricordando che “i cicli biologici di sviluppo di microrganismi patogeni non sono minimamente influenzati dai tempi della burocrazia delle amministrazioni”.

“La lotta alle zanzare – scrive chiaramente il direttore del dipartimento Prevenzione, Salvatore Cuffaro, - risulta efficace solo se viene assicurato un intervento larvicida, da effettuare entro il mese di aprile, seguito da un intervento sullo stato adulto, da effettuarsi nei mesi successivi. Questo intervento – chiarisce – risulta efficace sulle larve della zanzara Tigre, la cui presenza è stata accertata dall’Asp di Agrigento sul territorio provinciale, ed anche sulle larve della zanzara con cui si trasmette il virus Zika. Le operazioni di bonifica ambientale dovrebbero iniziare da ora se si vuole che le successive operazioni di disinfestazione sortiscano gli effetti sperati. La derattizzazione – aggiunge il direttore del dipartimento Prevenzione – dovrebbe essere accompagnata da un serio intervento di pulizia delle aree libere e degli spazi pubblici per evitare un incremento di malattie veicolate da insetti e roditori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prevenzione realizzata nei tempi previsti dalle conoscenze scientifiche è la sola arma efficace, del resto, contro malattie come rickettsiosi e leishmaniosi che tanto preoccupano in estate. “Ora è giusto parlare di prevenzione – ha concluso la lettera inviata ai sindaci dell’Agrigentino il direttore del dipartimento di Prevenzione – ed ora bisogna porre in essere tutte le misure necessarie per non doverne poi discutere in situazioni di crisi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non usciva da casa da anni: tampone Covid-19 positivo per una 92enne, altri tre casi anche a Sciacca

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • La curva epidemiologica continua a salire: c'è un caso in più di Coronavirus a Favara, confermato l'esito test a 92enne

  • Esce di casa per fare la spesa anziché restare in isolamento: denunciata 48enne rientrata dal Nord

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento