menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Discarica di rifiuti speciali vicino al fiume Naro, denunciato un 68enne

L'immondezzaio è stato notato dai carabinieri del nono nucleo elicotteri di Palermo, sequestrata un'area di 900 metri quadrati

Non è escluso che cercassero piantagioni di marijuana. Hanno notato però, invece, una montagna di rifiuti e hanno diramato la segnalazione ai colleghi di terra. E’ soltanto grazie ai carabinieri del nono nucleo elicotteri di Palermo se i carabinieri della stazione del Villaggio Mosè sono riusciti ad intercettare immediatamente – in un alveo del fiume Naro – una grossa discarica di rifiuti speciali. Rifiuti non pericolosi però. Un agricoltore di 68 anni, di Favara, è finito nei guai. Un’area di 900 metri quadrati è stata posta sotto sequestro. E’ accaduto tutto nei giorni scorsi durante quello che è stato un nuovo ed ennesimo controllo ambientale realizzato dai carabinieri.

Non è la prima volta, né probabilmente sarà l’ultima, che i carabinieri – talvolta supportati dai reparti speciali del nucleo Ispettorato del lavoro e del centro carabinieri Anticrimine natura – finiscono per scoprire dei reati ambientali.

In quest’ultima occasione, a segnalare la presenza di rifiuti sono stati i militari del nono nucleo elicotteri di Palermo. Dall’alto, quella discarica a cielo aperto non è sfuggita all’occhio lungo degli investigatori. Segnalata la posizione, i colleghi della stazione del Villaggio Mosè hanno poi, appunto, fatto il resto: hanno fatto scattare subito il mirato controllo e trovando i rifiuti speciali, non pericolosi, hanno formalizzato la denuncia dell’agricoltore favarese e sequestrato l’intera area di ben 900 metri quadrati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento