P. Empedocle, scoperta maxi discarica di rifiuti pericolosi

Gli agenti hanno scoperto la discarica che comprende diversi residui farmaceutici e parafarmaceutici. Adesso gli agenti del commissariato di Porto Empedocle stanno indagando per cercare di risalire a chi avrebbe potuto buttare in quel posto gli oggetti rinvenuti

Una maxi discarica di materiale pericoloso è stata scoperta ieri dalla Polizia. Gli agenti si trovavano in contrada Caos per controllare un camionista che stava scaricando residui di giardinaggio.

Ma una volta arrivati sul posto, dopo aver elevato le sanzioni in materia ambientale all'autotrasportatore, hanno scoperto la discarica che comprende diversi residui farmaceutici e parafarmaceutici. Adesso gli agenti del commissariato di Porto Empedocle stanno indagando per cercare di risalire a chi avrebbe potuto buttare in quel posto gli oggetti rinvenuti. L'operazione, coordinata dal sostituto procuratore Santo Fornasier, è stata condotta insieme alla polizia provinciale.

I poliziotti, dopo aver refertato tutti gli oggetti rinvenuti nell'area ricadente nel comune di Porto Empedocle, hanno posto sotto sequestro il terreno che si estende per almeno 10000 metri quadrati. la delimitazione dell'area è stata necessaria per eliminare il pericolo di eventuali contaminazioni con i prodotti farmaceutici. L'inchiesta continua e il Tribunale ha nominato un custode giudiziario per l'intera area.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento