Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Centro città / Piazza Luigi Pirandello

Agrigento, indagini per corruzione: una "nuova tangentopoli"?

Prima la votazione di alcuni regolamenti e delle prescrizioni esecutive del Prg. Poi i pareri sul programma costruttivo per la realizzazione di 154 alloggi in contrada Palmentelle-Fontanelle e, infine, le dimissioni dei consiglieri. Aria irrespirabile intorno al Municipio. La Procura indaga per corruzione. Il Tg1: "Agrigento nuova tangentopoli siciliana?"

La situazione al Comune di Agrigento dove tra poco inizierà una seduta di Consiglio, forse l'ultima

Sarebbe già tutto pronto ad Agrigento per la seduta del Consiglio comunale di stasera, quella che sarà probabilmente l’ultima di questa amministrazione. I componenti di Aula Sollano, dopo lo scandalo “Commissioni” e dopo il blitz della Procura che ha sequestrato tutto l’incartamento riguardante il Piano regolatore generale e le prescrizioni esecutive, sarebbero pronti stasera a rassegnare le dimissioni in massa.

Ma soltanto dopo aver votato alcuni regolamenti (come quello per le licenze “taxi” e quello per le licenze di “nolo con conducente”) e le prescrizioni esecutive del Prg riguardanti le zone "Città istituzionale", “Riviera Dune”, “Viale Cannatello”, “Mosè Mercato” e “Cugno Sala”. Durante la riunione del Consiglio di stasera si parlerà anche del programma costruttivo per la realizzazione di 154 alloggi sociali, per conto della Società “Li. Co. S.r.l.”; società cooperativa edilizia “Giovanni Falcone”; società cooperativa edilizia “Edil Casa” da realizzarsi in contrada Palmentelle-Fontanelle, ad Agrigento (progetti che farebbero riferimento agli imprenditori Licausi, Pullara e Vattano).

Dopodiché i consiglieri chiederanno la parola, uno ad uno, comunicando al presidente le dimissioni.

Ma basta fare un passo indietro, ad appena qualche settimana fa, per capire cosa starebbe succedendo al Comune di Agrigento. Prima lo scandalo delle Commissioni (che secondo qualcuno è stato pilotato politicamente); poi la manifestazione di piazza senza precedenti contro la cattiva amministrazione e, a seguire, il blitz della Procura della Repubblica che tramite gli uomini della Digos ha sequestrato tutti i faldoni riguardanti il Prg e le prescrizioni esecutive.

Tutto a ridosso di quella che, come detto, potrebbe essere l’ultima riunione di questo Consiglio comunale che sarà decisiva per alcuni aspetti legati proprio al Piano regolatore e a diversi piani costruttivi. E poi l’inchiesta aperta per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e l’audizione da parte dei magistrati di via Mazzini - durata almeno 6 ore - del vicepresidente del Consiglio, Giuseppe Di Rosa.

Infine oggi al Tg1 delle 13.30 un servizio che, partendo dallo scandalo dei gettoni di presenza fino ad arrivare all’inchiesta per associazione a delinquere, ha parlato di “quella che potrebbe essere la nuova tangentopoli siciliana”, con riferimenti a probabili versamenti di mazzette e a varianti del Prg studiate “ad hoc” per trasformare terreni agricoli in edificabili.

Aspetti che, uniti tra loro, hanno reso l’aria intorno al Municipio (e non solo) decisamente irrespirabile. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agrigento, indagini per corruzione: una "nuova tangentopoli"?

AgrigentoNotizie è in caricamento