L'Ordine degli Architetti diffida Firetto: "No ad incarichi gratuiti"

La polemica riguarda il progetto di sistemazione della rotonda Giunone che è però sostenuto da Anas

Alfonso Cimino

Ordine degli architetti: diffidato il sindaco per l’incarico gratuito sulla redazione del progetto esecutivo di restyling della rotatoria Giunone.

L’Ordine, presieduto da Alfonso Cimino, con una nota "riscontra l’illegittimità della prestazione e diffida il sindaco a provvedere immediatamente con telativi adempimenti a rettifica di quanto enunciato, nel rispetto delle norme e dei liberi professionisti”.

“Abbiamo appreso da notizie giornalistiche della progettazione, a titolo gratuito, da parte di un libero professionista architetto per il restyling della rotatoria Giunone – spiega Alfonso Cimino - Una notizia sconcertante che mortifica il lavoro degli architetti e afferma il principio errato di far lavorare gratis i liberi professionisti, i quali hanno studiato per esser liberi professionisti. In questi anni non abbiamo fatto altro che ribadire con il Codice dei contratti, i Bandi tipo, la Certezza dei pagamenti, la dignità del lavoro professionale che non può essere mortificata ed esaltata con affidamenti che riteniamo, a prescindere dalla loro legittimità, essere in controtendenza in un momento di grande crisi economica e professionale. Siamo certi che si tratti solo di una pagina nera, di un atteggiamento, quello di fare lavorare gratis gli architetti, che deve essere sicuramente annullato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento