rotate-mobile
Cronaca Racalmuto

Differenziata, a Racalmuto va il premio Smau per l'innovazione

Lo rende noto il sindaco Emilio Messana. Riconoscimento per il sistema 'Uno@Uno' adottato per identificare con i codici a barre i sacchetti dei rifiuti

Racalmuto ha ottenuto il premio Smau, riferimento nei settori digitale e innovazione per le imprese, i professionisti, le pubbliche amministrazioni. Lo rende noto il sindaco Emilio Messana.

L'assessore Paolo Alessi si è recato a Napoli insieme ai rappresentanti della società che ha in gestione il sistema "Uno A Uno" per ritirare il premio e per partecipare ad un incontro con altre pubbliche amministrazioni che si sono contraddistinte per soluzioni innovative.

"A conquistare l'attenzione di questo importante consesso nazionale - fa sapere il primo cittadino - è il sistema 'Uno@Uno' adottato per identificare con i codici a barre i sacchetti dei rifiuti differenziati. È un modello - ha riconosciuto lo Smau - che consente di 'misurare' le quantità di rifiuti prodotti dai cittadini, di stimolare la partecipazione alla raccolta differenziata, di redistribuire sugli utenti virtuosi i vantaggi economici. È un segnale incoraggiante, che impegna tutti noi a superare le criticità e le disfunzioni registrate sui tempi di raccolta, nonché ad insistere sulla sensibilizzazione e sulla promozione della differenziazione domestica dei rifiuti".

"L'umido è ancora su percentuali basse - prosegue il sindaco Messana - nonostante la raccolta sia tre volte alla settimana. Di conseguenza, quella che dovrebbe essere una frazione residuale, l'indifferenziata per la quale sono previsti solo due turni di raccolta, registra percentuali alte, che sovraccaricano il servizio e impediscono in alcuni casi di completare il turno successivo dedicato ai rifiuti differenziati. A questo inconveniente vogliamo ovviare aumentando di un giorno la raccolta del rifiuto indifferenziato. Contestualmente riprenderemo la campagna di sensibilizzazione per potenziare la cultura della differenziazione domestica dei rifiuti".

"Molti cittadini ancora mancano all'appello, - osserva il primo cittadino - tanti non lasciano il sacchetto davanti alla porta, altri lo abbandonano per strada. Si aggiungano i disservizi, che i cittadini correttamente segnalano e che vanno eliminati, individuandone le cause. Orgogliosi dell'importante riconoscimento nazionale ottenuto, consapevoli che la strada è ancora lunga e c'è ancora tanto da fare. È una sfida culturale che coinvolge tutti - cittadini, amministratori, operatori, i nostri impiegati - e che tutti abbiamo il dovere di sostenere, con pazienza e tenacia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Differenziata, a Racalmuto va il premio Smau per l'innovazione

AgrigentoNotizie è in caricamento