rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

Differenziata: rifiuti non raccolti e volantino impreciso, scoppia il caso "pizzagate"

In assenza di un regolamento che stabilisca in modo preciso dove vada conferita la spazzatura, i cittadini sono a "caccia" di indicazioni utili ad evitare una multa o, più semplicemente, che il mastello non venga svuotato

Ormai è un vero e proprio caso: il "pizzagate", volendo creare un neologismo anglofono. Un fatto che ha suscitato ilarità, ma anche tanta rabbia negli utenti che si sono visti "ammonire" dai netturbini perché, nel sacco-mastello dell'indifferenziato era presente lui, la causa di ogni male nel mondo e mela del peccato di ogni differenziata fatta male: il cartone della pizza.

"Abbiamo scoperto che ad Agrigento mangiano tutti pizza", ha detto l'assessore all'Ecologia Nello Hamel cercando di stemperare la questione, ma il fatto in sè è serio, perché "figlio" di una vicenda più ampia. Nella giornata di ieri è stato lo stesso componente della Giunta a comunicare infatti che "il cartone della pizza se pulito va nella carta -  cartone se unto d'olio nell'umido", dopo averlo fatto a piccoli pezzi, il che può anche servire per scaricare un po' la tensione, probabilmente. Il  rifiuto, quindi, non va nell'indifferenziato, se non volete, con un solo cartone, trovarvi "ammoniti" e giovedì prossimo addirittura multati.

IL VIDEO. Hamel: "Nessuna persecuzione nei confronti dei cittadini, dobbiamo migliorare la differenziata"

Cosa c'è di strano in tutto questo? Che il volantino distribuito circa un anno fa - a volte fornito addirittura fotocopiato - come unico sostegno all'avvio della differenziata (mai partita una vera campagna di comunicazione in tal senso, anche se molti cittadini ricorderanno i poco utili concerti svolti a San Leone sul tema) non dicesse questo, ma indicasse come giusta sede dei cartoni pizza sporchi l'indifferenziato.

Una chiara contraddizione che persino Hamel è stato costretto ad ammettere in conferenza stampa nella giornata di venerdì, spiegando che quel volantino non è preciso perché la raccolta differenziata è una scienza in evoluzione. Come se fossimo di fronte ai dati che man mano stanno arrivando alla Nasa da parte della sonda da poco atterrata su Marte. In realtà i consorzi come il Comieco (disponibile a questo link) indicavano già da tempo che il cartone sporco di cibo potesse andare nell'umido, così come i fazzoletti di carta.

Oltre 840 multe in un anno di appostamenti, ecco i numeri della "guerra"

Così, in assenza di un regolamento che stabilisca in modo preciso dove vanno conferiti i rifiuti, e in considerazione che il volantino è impreciso (non è chiaro se si scopriranno altri errori frutto dell'evoluzione scientifica) ai cittadini non resta che stare incollati a testate giornalistiche e social media, sperando di carpire indicazioni utili ad evitare una multa o, più semplicemente, che il mastello con i propri rifiuti non venga raccolto. Vi diciamo però chiaramente che anche queste informazioni potrebbero di per sè non essere precise: lo sanno bene coloro che hanno esposto la plastica dopo le 9.30 come chiesto proprio da Hamel (per far coincidere gli orari di raccolta con quelli di apertura della discarica) e come premio si sono trovati i mastelli pieni perché gli operatori erano regolamente passati alle sei.

Intanto, oggi pomeriggio si inizieranno ad eliminare i sacchi di indifferenziato non rimossi giovedì e lasciati bellamente per strada dai cittadini ai quali, ovviamente, non è stata comminata alcuna sanzione per questo. Perché in questa città, alla fine, per i furbi la vita è sempre un po' più facile.

"La gran parte dei cittadini ha raccolto l'appello - scrive l'assessore Nello Hamel - ed ha depurato i conferimenti non conformi e pertanto è stato deciso di eliminare tutti i sacchi rimasti lungo i bordi dei palazzi per ridare decoro alla città. Si raccomanda per giovedi prossimo, un'attenzione particolare nel deposito dei rfiuti indifferenziati per evitare ulteriori disagi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Differenziata: rifiuti non raccolti e volantino impreciso, scoppia il caso "pizzagate"

AgrigentoNotizie è in caricamento