Differenziata, scatta il "pugno duro" contro le grandi utenze

Dopo mesi di annunci l'Amministrazione comunale dovrebbe adesso avviare multe e provvedimenti sanzionatori contro chi non rispetta le regole

Una foto scattata all'ospedale alcune settimane fa

I primi annunci si perdono letteralmente nella "notte dei tempi". Però oggi, pare, che si inizierà a fare sul serio. Il Comune di Agrigento, infatti, è pronto a sanzionare sistematicamente le grandi utenze che non si anono ancora allineate alle regole della raccolta differenziata. Stiamo parlando di quella categoria in cui rientrano uffici pubblici, centri commerciali, ospedali e carceri.

“Purtroppo – spiega l’assessore all’Ecologia Nello Hamel – abbiamo più volte tentato la mediazione, ma con scarsi risultati. Non possiamo più permetterci di aspettare, così già nei prossimi giorni partiranno le diffide con le quali annunceremo un tempo entro il quale dovranno organizzare il servizio di smaltimento dei propri rifiuti, che potrà essere di otto – dieci giorni. Se superata questa fase non ci si sarà adeguati a quanto previsto dal calendario di raccolta sarà innanzitutto sospeso il ritiro dei rifiuti, come già avviene per le utenze domestiche. Provvederemo in tal caso inoltre ad elevare le sanzioni previste dalle ordinanze inserendo inoltre il costo aggiuntivo dei servizi di bonifica e smaltimento dei rifiuti indifferenziati prodotti”.

Dalla messa in "riga" delle grandi utenze il Comune punta a recuperare almeno un 5% di raccolta differenziata, consolidando così il dato cittadino ad oltre il 70%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento