rotate-mobile
Violenza

Diciassettenne suicida dopo essere stata costretta a fare sesso di gruppo e girare video porno: chiesti 2 rinvii a giudizio

La ragazzina si tolse la vita 2 anni dopo, con uno straziante post su facebook aveva annunciato il gesto: "Questo segreto dentro di me mi sta divorando". La 15enne sarebbe stata spinta, contro la sua volontà, ad avere rapporti completi e non solo. Coinvolti due minorenni

Morta suicida a 17 anni poco meno di due anni dopo essere stata costretta a fare sesso di gruppo mentre venivano filmate le scene. La tragedia della ragazzina, il cui corpo senza vita è stato trovato alla Rupe Atenea dove si era lanciata nel vuoto dopo avere annunciato il gesto con un lungo e straziante post pubblicato su facebook, approda in aula per l'udienza preliminare. Il 4 ottobre, davanti al gup di Palermo Marco Gaeta, si aprirà l'udienza preliminare per i due maggiorenni coinvolti nell'inchiesta.

"Nessuno di voi sa e saprà mai con cosa ho dovuto convivere da un periodo a questa parte… Quello che mi è successo non poteva essere detto, io non potevo e questo segreto dentro di me mi sta divorando" - iniziava così la lunga e struggente lettera pubblicata sui social prima del suicidio. "Ho provato a conviverci e in alcuni momenti ci riuscivo così bene che me ne fregavo, ma dimenticarlo mai.. E allora ho pensato… Perché devo sopportare tutti i momenti no, Che pur fregandomene, sono abbastanza stressanti, se anche quando tutto va bene e come dico io, il mio pensiero è sempre là? Non sono una persona che molla, una persona debole, io sono prepotente, voglio cadere sempre in piedi e voglio sempre averla vinta, ma questa volta non posso lottare, perché non potrò averla vinta mai, come però non posso continuare a vivere così, anzi a fingere così...".

La squadra mobile, indagando sull'annunciato suicidio, avvenuto il 18 maggio del 2017, dopo avere scartato alcune piste come, ad esempio, quella delle sette sataniche, è risalita ad alcuni video che immortalavano la diciassettenne, due anni prima, mentre faceva sesso di gruppo con quattro ragazzi, di cui due all'epoca minorenni. I quattro giovanissimi - è l'atto di accusa dei pm della procura di Palermo Luisa Bettiol e Giulia Amodeo - avrebbero abusato delle sue condizioni di inferiorità fisica e psichica "legata al consumo di sostanze alcoliche". Alla ragazza sarebbe stato intimato di restare ferma e non si sarebbero fermati neppure davanti al suo espresso rifiuto avendo la quindicenne, sostiene l'accusa, pronunciato frasi dal contenuto inequivocabile. "Non voglio", "non posso", "mi uccido", "no, ti prego.. mi sento male".

Nonostante la ragazza avesse manifestato apertamente il suo dissenso i quattro giovani, a turno, l'avrebbero costretta a subire un rapporto sessuale completo e un rapporto orale mentre la scena veniva filmata con il telefonino. All'accusa di violenza sessuale di gruppo ai danni di minore si aggiunge quella di produzione di materiale pedopornografico: ed è questa l'ipotesi di reato che ha fatto scattare la competenza della procura di Palermo alla quale i colleghi di Agrigento hanno trasmesso gli atti. 

Ai quattro indagati si contesta di avere realizzato e prodotto materiale pedopornografico con una quindicenne costretta "con violenza e abuso" a subire i rapporti. Due le aggravanti contestate: l'avere realizzato i video con una minore di 16 anni e l'averlo commesso "in più persone riunite". 

Per i due ragazzi di 26 e 27 anni, che hanno nominato come difensori gli avvocati Daniela Posante e Antonio Provenzani, la vicenda approda all'udienza preliminare, mentre per i due minorenni sta procedendo la procura minorile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diciassettenne suicida dopo essere stata costretta a fare sesso di gruppo e girare video porno: chiesti 2 rinvii a giudizio

AgrigentoNotizie è in caricamento