menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un "regalo" per Lampedusa, tartaruga depone uova alla Guitgia

Le azioni rientrano nel programma di monitoraggio della riproduzione della tartaruga a Lampedusa svolto da Riserva Naturale-Legambiente, a tal fine autorizzata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Nella notte del 28 luglio si è ripetuto nell’isola di Lampedusa lo straordinario evento di ovodeposizione della tartaruga marina Caretta caretta: si tratta del secondo nido accertato sulla maggiore delle Pelagie, dopo quello del 14 luglio, deposto sempre sulla spiaggia della Guitgia.  

Il personale della riserva Naturale regionale “Isola di Lampedusa”, gestita da Legambiente Sicilia, si è recato sul posto e dopo aver constatato la presenza delle uova, ha provveduto a recintare e segnalare il nido, che resterà in incubazione per circa 60 giorni.

Le azioni rientrano nel programma di monitoraggio della riproduzione della tartaruga a Lampedusa svolto da Riserva Naturale-Legambiente, a tal fine autorizzata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

L’area circostante il nido sarà sottoposta a tutela grazie ad un’Ordinanza emanata dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Lampedusa, ma è necessario che ciascuno, cittadino o turista, collabori a prendersi cura del nido, evitando di proiettare ombra in corrispondenza della camera delle uova e di accedere all’interno dell’area recintata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giornali on line più letti, la classifica della piattaforma Similarweb

Attualità

Solidarietà all'Arma dei carabinieri, bandiere a mezz'asta al Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento