menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Lena

Giuseppe Lena

La morte di Giuseppe Lena, il papà: "Combatteremo fino alla fine"

Il medico legale che ha effettuato l'autopsia sul giovane di Cammarata, studente di Medicina, ha deposto in aula. I genitori: "Proviamo tanto dolore ed altrettanta rabbia"

Ha deposto in aula Paolo Procaccianti, il medico legale che effettuò l'autopsia su Giuseppe Lena: il giovane di Cammarata, studente di medicina, nel 2013 finì in coma, per poi perdere la vita, dopo un allenamento di Mma in una palestra di arti marziali a Palermo.

In un primo momento la versione dei presenti riferì di un malore, mentre nessun dubbio ebbero fin dall'inizio i familiari, la cui convinzione che il ragazzo avesse subito un violento colpo alla testa fu avvalorata dalla perizia autoptica.

Adesso, come allora i genitori, l'avvocato Tonina Di Grigoli e l'ingegnere Franco Lena, continuano a chiedere verità su quanto accaduto. Verità su un doloroso fatto di cronaca costellato di luci ed ombre, che ha sottratto una giovane vita al futuro che l'attendeva. Una morte sulla cui dinamica c'è ancora molto da approfondire e da chiarire.

"Proviamo tanto dolore ed altrettanta rabbia. Rimaniamo fiduciosi, ma siamo realisti e non ci illudiamo - dice il papà di Giuseppe -. Però posso dire con certezza che combatteremo fino alla fine perchè il nostro ragazzo abbia la giustizia che merita. Vogliamo sapere cosa sia successo, vorremmo che chi sa parli e capire tante cose che non sono chiare: come per esempio il perchè il proprietario della palestra non abbia accompagnato nostro figlio in ospedale, perchè non sia stata chiamata l'ambulanza o, ancora, perchè chi ha portato Giuseppe al pronto soccorso ha dichiarato di allenarsi con lui ma anche di non sapere il suo nome".

Lo scorso anno il gup di Palermo Giangaspare Camerini ha rinviato a giudizio, per omicidio colposo, Giuseppe Chiarello, palermitano di 40 anni, Roberto Lanza, messinese di 27 anni e Giuseppe Di Paola, palermitano di 59 anni e proprietario della palestra. La prossima udienza è fissata per il prossimo due dicembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento