menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ignazio Cutrò

Ignazio Cutrò

Testimoni di giustizia, Cutrò accusa: "Io insultato dalle forze dell'ordine"

Lo sfogo dell'imprenditore di Bivona, sottoposto, assieme alla famiglia, ad un programma speciale di protezione per aver denunciato i suoi estorsori

"A pochi mesi dalla possibile approvazione della legge di riforma del sistema di protezione a favore dei testimoni di giustizia, assistiamo impotenti alla continua confusione e mortificazione della loro dignità". Lo scrive Ignazio Cutrò, imprenditore di Bivona, sottoposto, assieme alla famiglia, ad un programma speciale di protezione per aver denunciato i suoi estorsori.

Cutrò, presidente della Associazione nazionale testimoni di giustizia, invitato a Salerno per dare la propria testimonianza di ribellione alle mafie, fa sapere che, giunto all'aeroporto di Napoli "non solo si è visto inspiegabilmente e gravemente depotenziato il servizio di scorta, ma è stato destinatario di gravi insulti da parte di un esponente delle forze di polizia che lo ha dapprima definito più volte collaboratore di giustizia e poi lo ha insultato con parole gravemente ingiuriose".

"I testimoni di giustizia - prosegue Cutrò - sono la punta di diamante nello Stato nella lotta contro le mafie, ma nonostante ciò assistiamo ancor oggi a gravi fenomeni di sotto valutazioni sulla loro sicurezza. A loro non resta che l'amara considerazione che in questo Paese chi si espone contro le mafie finisce per essere considerato solo un ingrato rompiscatole".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento