Cronaca

Case popolari a Ribera, Sinistra italiana: "100 mila euro buttati al vento"

Angelo Renda, coordinatore cittadino del partito, scrive ai vertici della Regione Siciliana, all’Iacp e all’Urega di Agrigento: "A quasi 5 anni nulla è stato fatto"

Una delle case popolari da demolire

Riesplode la protesta dei cittadini di Ribera che aspettano la ricostruzione delle case popolari di largo Martiri di via Fani. Lo denuncia in una nota la segreteria cittadina di Sinistra italiana. 

Era il 24 febbraio 2012, quando l'amministrazione comunale emetteva un'ordinanza con cui invitava i residenti allo sgombero degli alloggi. "A quasi 5 anni nulla è stato fatto", afferma Angelo Renda, coordinatore cittadino di Sinistra Italiana, in una nota trasmessa ai vertici della Regione Siciliana, all’Iacp e all’Urega di Agrigento.

"Al danno - prosegue Renda - oggi si è aggiunta l’ennesima beffa: per valutare il ricorso di una ditta esclusa, al Tar sono stati necessari sette mesi il cui costo a carico dell’assessorato regionale alle Infrastrutture è stato di 100 mila euro per pagare i canoni di locazione di abitazioni provvisorie, prese in affitto dalle famiglie sfrattate oltre le spese del procedimento che saranno ripartite tra l’Iacp e l’Urega di Agrigento contro cui la ditta aveva proposto il ricorso per l’esclusione. La decisione del Tar era stata adottata nella seduta del 30 giugno scorso, ma le motivazioni sono state rese note solo da qualche giorno".

Si riparte, dunque, con il completamento e l’esame delle carte prodotte dalle ditte che dovranno portare all’assegnazione della gara di appalto dell’opera di demolizione di ben 10 palazzine e di 60 alloggi di case popolari dell’Iacp, "costruite negli anni ’70 - prosegue Renda - con cemento depotenziato, e di ricostruzione degli stessi alloggi, sulla medesima area, con un finanziamento della Regione Siciliana di oltre 11 milioni di euro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case popolari a Ribera, Sinistra italiana: "100 mila euro buttati al vento"

AgrigentoNotizie è in caricamento