menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Democrazia partecipata: più della metà dei comuni non riesce a spendere i soldi

Pochi i centri che sono riusciti a non incappare nelle sanzioni previste dalla norma, che prevede il recupero delle somme stanziate

Ventiquattro comuni su 43 hanno dovuto restituire, in tutto o in piccola parte, somme versate dalla Regione Siciliana per sostenere iniziative selezionate con il sistema della “Democrazia partecipata”, perché non sono state spese. Il decreto di recupero, per l’anno 2017, è stato firmato nei giorni scorsi e riguarda appunto un numero rilevante di centri.

I i “bravissimi” sono stati davvero pochi. Si tratta di: Bivona, Burgio, Caltabellotta, Cammarata, Casteltermini, Castrofilippo, Cattolica Eraclea, Joppolo Giancaxio, Montevago, Naro, Raffadali, Realmonte, Ribera, Santa Elisabetta, Santa Margherita di Belice, Sant’Angelo Muxaro, Sciacca e Siculiana. A questi si possono ovviamente aggiungere centri come Agrigento, Cianciana e Porto Empedocle che, invece, dovranno restituire pochi tra i sessanta centesimi e i trenta euro. La legge sulla "Democrazia partecipare" impone ai comuni di spendere le risorse entro un anno, altrimenti si attivano processi di recupero delle somme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento