menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Danni neurologici a causa di asfissia", genitori chiedono risarcimento da 1 milione 300 mila euro

L’Asp non è però intenzionata a pagare il risarcimento danni e, “considerato che dall’esame della documentazione sanitaria e della relazione pervenuta da Ostetricia e Ginecologia non sono emersi profili di responsabilità”, ha deciso di costituirsi in giudizio

Chiedono di dichiarare la responsabilità dei medici - del presidio ospedaliero di Canicattì - per condotta negligente, imperita e imprudente e ottenere la condanna al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale quantificato in un milione e 300 mila euro. A citare, dinanzi al tribunale di Agrigento, l’Asp sono stati i genitori di una bambina che ha riportato, dopo la nascita, gravi danni neurologici. Era il 2 marzo del 2018 quando la mamma veniva ricoverata all’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del “Barone Lombardo” dove, solo il giorno dopo, subì un parto cesareo d’urgenza, quando la neonata aveva già subito gravi danni da asfissia – è stato ricostruito negli stessi incartamenti dell’azienda sanitaria provinciale - .

Subito dopo la nascita, la piccina venne trasferita all’unità di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale del “San Giovanni di Dio” di Agrigento e poi venne ricoverata all’Utin di Palermo fino alle dimissioni con diagnosi di “encefalopatia ipossico ischemica un nato a termine, trattamento ipotermico”, riportando gravi danni neurologici.

L’Asp non è però intenzionata a pagare il risarcimento danni e, “considerato che dall’esame della documentazione sanitaria e della relazione pervenuta dall’unità operativa di Ostetricia e Ginecologia del presidio ospedaliero di Canicattì – scrivono -, non sono emersi profili di responsabilità a carico dei sanitari che hanno prestato le relative cure alla mamma”, ha deciso di costituirsi in giudizio. Unico e solo l’obiettivo dell’Asp: “Difendere la legittimità e la correttezza dell’operato dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento e ottenere il rigetto delle pretese risarcitorie”. L’incarico di difesa e rappresentanza dell’ente è stato affidato ad un avvocato esterno, prescelto fra i nominati che compongono l’elenco dei professionisti di fiducia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento