rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Municipio

Lo "sfregio" alla Scala dei Turchi e l'inchiesta chiusa in tempo record: cittadinanza onoraria agli ufficiali dell'Arma

Dell'attività investigativa - acquisendo decine di filmati degli impianti di videosorveglianza ed effettuando una raffica di perquisizioni e verifiche fra Realmonte e Favara, passando anche per Porto Empedocle ed Agrigento - si è occupato il maggiore Marco La Rovere

Dell'attività investigativa - acquisendo decine di filmati degli impianti di videosorveglianza ed effettuando una raffica di perquisizioni e verifiche fra Realmonte e Favara, passando anche per Porto Empedocle ed Agrigento - si è occupato il maggiore Marco La Rovere. In poco meno di 48 ore, i militari dell'Arma - coordinati dall'allora procuratore capo Luigi Patronaggio che tanto ci teneva a far rapidamente chiarezza - riuscirono a dare un nome e cognome ai responsabili del danneggiamento, fatto con polvere di ossido di ferro, alla Scala dei Turchi. 

Lo “sfregio” alla Scala dei Turchi e i due denunciati: ecco come è stata condotta l’operazione 

Danneggiamento alla Scala dei Turchi, individuati i responsabili: ecco il video dei carabinieri

"Più che di un gesto vandalico riteniamo che si sia trattato di una sfida alle istituzioni e a tutto il territorio della provincia di Agrigento” - dichiarava, subito dopo la denuncia dei due favaresi, il comandante della compagnia: il maggiore Marco La Rovere - . 

Danneggiamento alla Scala dei Turchi, il maggiore La Rovere: "E' stata una sfida alle istituzioni"

Domani, alle 11, nell'aula consiliare del Municipio, Realmonte esprimerà - conferendo la cittadinanza onoraria - la sua riconoscenza per il solerte, decisivo, impegno e per un'inchiesta sviluppata e chiusa in tempo record. Cittadinanza onoraria che verrà appunto attribuita al comandante provinciale dell'Arma: il colonnello Vittorio Stingo, al maggiore Marco La Rovere e al luogotenente Antonio Ditto che è il comandante della stazione di Realmonte. Saranno consegnati riconoscimenti anche agli uomini e alle donne del servizio civile e ai giovani volontari che, con gli amministratori di Realmonte ripulirono la marna, restituendo alla Scala dei Turchi decoro e bellezza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo "sfregio" alla Scala dei Turchi e l'inchiesta chiusa in tempo record: cittadinanza onoraria agli ufficiali dell'Arma

AgrigentoNotizie è in caricamento