rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Realmonte

Danneggiamento della Scala dei Turchi, denunciati 2 favaresi

Sarebbero stati individuati grazie alle immagini del sistema di video-sorveglianza e ad una successiva perquisizione domiciliare. Il procuratore Patronaggio: "Mi complimento con la Compagnia dei carabinieri per la tempestività delle indagini"

Sarebbero due favaresi gli autori del danneggiamento alla Scala dei Turchi con la vernice rossa avvenuto la scorsa settimana. Q. D. e G. F., queste lo loro iniziali, sono stati denunciati in stato di libertà dai carabinieri della Compagnia di Agrigento a seguito di una perquisizione domiciliare con il sequestro di materiale utilizzato per commettere il reato.

I dettagli dell’operazione sono stati illustrati dal procuratore Luigi Patronaggio: “Ad incastrare i responsabili sarebbero state le immagini estrapolate dai sistemi di video-sorveglianza installate sul sito. I sospetti sarebbero poi stati confermati dall’esito delle perquisizioni domiciliari. 

Q. D. è un pluripregiudicato con diversi precedenti giudiziari e di polizia tra cui gli attentati alla metropolitana di Milano e alla Valle dei Templi di Agrigento più un altro danneggiamento a Punta Bianca. 

È stato sottoposto a misura di prevenzione e al divieto di avvicinamento ad Agrigento disposto dalla Questura.

Quanto alle motivazioni del gesto si ipotizza un atteggiamento di generica e vaga contestazione nei confronti del sistema e delle forze dell'ordine, come è dato scorgere sulle pagine social dell’ndagato.

Il materiale probatorio raccolto deve essere ora valutato dal pm e successivamente dal giudice competente, ferma restante la presunzione d’innocenza per entrambi gli indagati”.

Il procuratore Patronaggio si è personalmente complimentato con il comandante della Compagnia di Agrigento, il maggiore Marco La Rovere, per la tempestività delle indagini. L’ipotesi di reato è danneggiamento di un bene avente valore paesaggistico. 

Oggi pomeriggio è prevista una conferenza stampa.

Scala dei Turchi imbrattata con vernice rossa e polvere da intonaco: aperta inchiesta
 

La sostanza di colore rosso utilizzata dai vandali non era indelebile e, grazie ad un rapido e provvidenziale intervento dei volontari, è stata totalmente eliminata restituendo alla Scala dei Turchi il suo aspetto originario.

Le reazioni del mondo politico e degli ambientalisti

L'ex sindaco di Agrigento Calogero Firetto: "Plauso alla magistratura, in particolare al procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e al eostituto Chiara Bisso. E plauso ai carabinieri della Compagnia di Agrigento per essere riusciti a dare un nome e un cognome in tempi brevissimi agli autori dello scempio alla Scala dei Turchi. Il mondo intero ha seguito la vicenda del raid vandalico e la successiva opera di recupero di un luogo tra i più suggestivi e amati del pianeta".

Claudio Lombardo di Mareamico: "Oggi è una splendida giornata per l'ambiente e la legalità. Individuati i responsabili dello scempio della Scala dei Turchi. Non possiamo fare altro che essere felici e ringraziare le forze dell'ordine"

(Aggiornato alle ore 11:10)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danneggiamento della Scala dei Turchi, denunciati 2 favaresi

AgrigentoNotizie è in caricamento