rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Commissariato / Canicattì

Tre danneggiamenti in 9 giorni al distributore h24 di bevande: denunciato 37enne

L'impianto di videosorveglianza ha ripreso i diversi raid, due dei quali fatti con chiave inglese. A riconoscere il presunto autore è stato uno dei poliziotti che lo aveva contravvenzionato per mancato rispetto del codice della strada

Tre danneggiamenti, nel giro di nove giorni, al distributore di bevande h24 di corso Umberto I a Canicattì. La videosorveglianza, almeno per il primo caso, ha permesso di identificare il presunto responsabile: un trentasettenne. Nel secondo caso, l'autore - già sospettato - è stato rintracciato dai poliziotti e indossava gli stessi indumenti ripresi dalla telecamera. Nel secondo episodio, contrariamente al primo, il vandalo ha agito infatti con il volto parzialmente coperto. Il trentasettenne è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura di Agrigento dai poliziotti del commissariato cittadino. 

Nel primo episodio, l'indagato - stando all'accusa - ha danneggiato il vano banconote del distributore h24 di bevande. E lo avrebbe fatto agendo, appunto, a volto scoperto. A riconoscerlo nel video, consegnato dal gestore dei distributori automatici di bevande, è stato uno dei poliziotti in servizio al commissariato di Canicattì, un agente che pochi giorni prima lo aveva contravvenzionato per il mancato rispetto del codice della strada.

Nel secondo caso, l'autore del danneggiamento ha agito impugnando una chiave inglese e aveva il volto parzialmente coperto, ma indossava un giubbotto verde militare e una felpa grigia con cappuccio. Quando è stato rintracciato dagli agenti, che lo invitavano a recarsi in commissariato, aveva indosso però gli stessi indumenti. Quindi non vi sarebbero stati dubbi sull'identità.

Nell'ultimo danneggiamento, sempre al distributore di bevande di corso Umberto I, i poliziotti hanno ritrovato sul posto, e sequestrato, una chiave inglese. In quest'occasione, l'autore del danneggiamento ha agito con il volto completamente coperto. Ma raffrontando i tre diversi video dell'impianto di sorveglianza, non pare che vi siano dubbi sul fatto che anche l'ultimo danneggiamento sia addebitabile sempre al trentasettenne che ha nominato quale suo difensore di fiducia l'avvocato Antonino Pecoraro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre danneggiamenti in 9 giorni al distributore h24 di bevande: denunciato 37enne

AgrigentoNotizie è in caricamento