Il Cua ha oltre un milione e ottocentomila euro di crediti: ecco tutti i debitori

Il cda ha disposto il ricorso anche alla formula del decreto ingiuntivo in caso di mancato versamento delle somme

Il consorzio universitario

Il Consorzio universitario ha oltre un milione e ottocentomila euro di crediti e ha deciso di ricorrere alle "maniere forti" per andarli a recuperare. Il cda del Cua nelle scorse settimane ha infatti stilato una lista di coloro che tra enti e ordini professionali che magari non sono più soci ma hanno lasciato alle loro spalle somme rilevanti.

Si cercano nuove sedi universitarie: il Comune punta sul centro storico

Prima, ma già oggetto di apposito decreto ingiuntivo, è la ex Provincia regionale con 774.600 euro. Seguono poi il Comune di Agrigento (524.301 euro) e la Camera di Commercio (206.584 euro) ma entrambi hanno già firmato un piano di rientro, con il Municipio che potrà in parte ridurre l’importo dovuto grazie alla compensazione ad esempio delle tasse dovute dal Consorzio (Tari ecc). Una strada già imboccata a suo tempo dall'Ordine degli Architetti, anche lui impegnato a ripianare il debito con un piano di rientro concordato con il Cua e che risulta dovere 25.825 euro, anche se la somma reale sarebbe quasi la metà, dato appunto i pagamenti delle precedenti "rate".

Tra i morosi risultano poi: Comune di Bivona (46.649 euro); Comune di Santo Stefano di Quisquina (15.495 euro); Comune di Licata (5.165 euro); Comune di Raffadali (20.660 euro); Comune di Sciacca (30mila euro); Comune di Ribera (10.330 euro); Comune di Favara (61.980 euro); Comune di Naro (5.165 euro); Comune di Porto Empedocle (25.575 euro); Comune di Racalmuto (61.980 euro); Comune di Aragona e Comune di Casteltermini (15.495 euro ciascuno), Ordine degli Ingegneri (5.165 euro); Ordine degli Avvocati (5.165 euro); Iacp (15.495 euro).

Unipa torna ad investire ad Agrigento: aperti nuovi corsi di laurea

La replica dell'Ordine degli Architetti.

In riferimento a quanto pubblicato dagli organi di stampa, si precisa che l’Ordine degli architetti ha firmato, il 2 maggio 2017, un piano di rientro per le somme dovute, relativo agli anni 2013 – 2014 – 2015 – 2016 per un totale di 20mila660 euro.  Il suddetto piano, prevede il pagamento del debito in tre distinte rate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima rata, pari a 7mila euro, con scadenza 30 settembre 2018 e regolarmente saldata;  la seconda rata, per un importo di 7mila euro, è in scadenza entro il mese di settembre 2019; la terza rata, che ammonta a 6mila660 euro, a saldo, sarà versata entro settembre del 2020. Alla luce del già firmato piano di rientro pienamente rispettato, dunque, l’Ordine degli architetti non può essere annoverato tra i morosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

  • Boom di contagiati da Covid 19 a Sciacca, adesso sono 29: ci sono anche un neonato e la sua famiglia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento