rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

L'inchiesta sul crollo di piazza Cavour si allarga: nuovi indagati, contestati anche abuso di ufficio e falso

Il pm conferisce l'incarico al proprio consulente tecnico: la difesa replica nominato alcuni esperti di parte

Nuovi indagati e nuove ipotesi di reato nell’ambito dell’inchiesta per il crollo del cornicione che il, 18 settembre, ha fatto cadere l’impalcatura allestita per ristrutturare il lussuoso palazzo liberty di piazza Cavour provocando l’evacuazione di decine di appartamenti e attività commerciali. Le novità sono emerse nel pomeriggio in Procura, in occasione del conferimento dell’incarico all’ingegnere Luigi Palizzolo che dovrà accertare le cause del disastro. Innanzitutto una novità: gli indagati (nella lista i proprietari degli appartamenti, nella veste di committenti dei lavori, i responsabili della ditta, l’amministratore di condominio e i tecnici che hanno eseguito le opere) sono diventati trentuno.

Il crollo di piazza Cavour, il Viale non resterà "prigioniero": ecco come cambia la viabilità

Nelle scorse ore sono stati iscritti i nomi di altri tre proprietari. All’accusa di disastro colposo, inoltre, sono state aggiunte quelle di falso e abuso di ufficio. Si tratta, per il momento, di ipotesi investigative e di un atto dovuto, come sottolineato anche dal procuratore Luigi Patronaggio nei giorni scorsi. Il quesito dell’incarico, formalmente conferito al consulente oggi pomeriggio, è stato aggiornato anche alla luce del nuovo crollo di lunedì pomeriggio, nel lato sud della piazza, che ha portato il Comune di Agrigento a disporre nuove e maggiori limitazioni nella viabilità al Viale della Vittoria.

Perito e avvocati sul luogo del crollo

Al consulente è stato chiesto “in via di assoluta urgenza” di indicare “interventi da porre in essere per evitare ulteriori crolli”. Nel secondo punto viene chiesto, alla luce dell’esame della documentazione, di “indicare eventuali condotte di omesso tempestivo intervento da parte dei proprietari e/o negligenza, imprudenza o imperizia nell’esecuzione dei lavori in atto da parte del progettista e direttore dei lavori nonché dei responsabili della ditta esecutrice nonché ad interventi edilizi che abbiano in passato riguardato l’immobile”. I difensori (fra gli altri gli avvocati Daniela Posante, Alfonso Neri, Davide Casà, Diego Galluzzo, Marco Giglio e Salvatore Maurizio Buggea) hanno fatto mettere a verbale la nomina dei propri consulenti di parte che potranno partecipare alle operazioni.

IL VIDEO. Dopo il secondo crollo, pompieri al lavoro per eliminare i pericoli

Nella lista dei consulenti della difesa ci sono gli ingegneri Salvatore Lombardo, Giuseppe Pullara, Nicolo Vassallo e Vincenzo Ragusa e l’architetto Giovanni Spitali. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'inchiesta sul crollo di piazza Cavour si allarga: nuovi indagati, contestati anche abuso di ufficio e falso

AgrigentoNotizie è in caricamento