rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

La frana del viale della Vittoria con settanta case e negozi evacuati, la difesa: "No alla consulenza del pm"

I legali dell'ex sindaco Marco Zambuto e dei proprietari dei terreni che avrebbero provocato il crollo ne chiedono l'esclusione per un vizio procedurale: il giudice "congela" la loro audizione

“La consulenza tecnica redatta per conto della Procura dal professore Giuseppe Giambanco, insieme a Francesco Graziano, non è utilizzabile perché l’ex sindaco Marco Zambuto, all’epoca in cui fu fatta, non è stato messo nelle condizioni di difendersi nominando propri consulenti e difensori”.

Gli avvocati Antonino Gaziano e Silvio Miceli, difensori dell’ex primo cittadino, candidato alle prossime elezioni di aprile, chiedono di non utilizzare la relazione del docente universitario Giambanco, finito, peraltro, di recente a processo, nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti pilotati all'aeroporto di Palermo. L'avvocato Rosa Salvago, difensore dei proprietari dei terreni, la cui mancata manutenzione avrebbe provocato il crollo del costone del Viale della vittoria, che - il 5 marzo del 2014 - fece scattare l’evacuazione di una settantina di famiglie da due palazzi oltre a svariate attività commerciali, una farmacia e uno studio medico, solleva un'ulteriore questione. La consulenza, secondo quanto sostenuto dal legale, sarebbe stata consegnata "molti mesi dopo il termine indicato dal gip per lo svolgimento delle indagini, in seguito alla proroga".

Il giudice Manfredi Coffari, davanti al quale si celebra il dibattimento, scioglierà la riserva il 25 marzo. Giambanco e Francesco Graziano, questa mattina, non sono stati, quindi, interrogati dal pm Manuela Sajeva e dalle altre parti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La frana del viale della Vittoria con settanta case e negozi evacuati, la difesa: "No alla consulenza del pm"

AgrigentoNotizie è in caricamento