rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
La presa di posizione

Siccità, l'appello del Codacons: "Requisire fonti idriche esistenti e contrastare perdite e prelievi abusivi"

Di Rosa: "Piuttosto che continuare con le provocazioni, il sindaco Miccichè dovrebbe concentrarsi sulle azioni che devono essere pretese e intraprese, a livello locale, per affrontare la crisi"

Il Codacons chiede azioni concrete, non provocazioni, per affrontare la crisi idrica. E lo fa tornando a parlare del finanziamento da 49milioni di euro, per rifare la rete idrica cittadina, perso. "Il sindaco Francesco Miccichè non ha ancora risposto sulla perdita del finanziamento di 49 milioni . Ha però paventato di voler rinunciare al titolo di 'Agrigento capitale italiana della cultura 2025' in risposta alla persistente crisi idrica che affligge la città e la provincia - ha scritto Giuseppe Di Rosa, responsabile regionale del dipartimento Trasparenza enti locali del Codacons - .  A nostro avviso, le provocazioni del sindaco sono solo un modo per distrarre i cittadini dal bisogno urgente di azioni concrete". 

Il Codacons si dice "deluso dalla mancanza di progressi nella gestione della crisi idrica. Piuttosto che continuare con le provocazioni, Miccichè dovrebbe concentrarsi sulle azioni che devono essere pretese e intraprese, a livello locale, per affrontare la crisi idrica - ha aggiunto - . È fondamentale che il sindaco e i suoi colleghi della provincia di Agrigento lavorino insieme per identificare e requisire le fonti idriche esistenti, a iniziare da quelle proprie, contrastare con ogni mezzo le perdite e i prelievi abusivi di risorsa. Tutto questo va fatto urgentemente, piuttosto che rimanere passivi di fronte alle autobotti private che riescono a reperire acqua mentre la popolazione soffre la sete, e mentre il gestore idrico pur cercando di fare miracoli non assicura imparzialità ed equità nella distribuzione, nelle turnazioni e negli approvvigionamenti alternativi". 

Crisi idrica, il Cdm: per 12 mesi sarà stato d'emergenza nazionale, già pronti 20milioni di euro

Crisi idrica e siccità, dai dissalatori mobili ai nuovi pozzi: ecco le prime soluzioni che arrivano dalla Regione

Il Codacons ha dunque esortato il sindaco Miccichè e le autorità locali a presentare un piano dettagliato per migliorare la distribuzione idrica nella provincia di Agrigento e a prendere azioni immediate per garantire un approvvigionamento idrico equo e sicuro per tutti i cittadini.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siccità, l'appello del Codacons: "Requisire fonti idriche esistenti e contrastare perdite e prelievi abusivi"

AgrigentoNotizie è in caricamento