rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Cremona: "Con l'approvazione della legge sulle professioni vinceranno i poteri forti"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Sono passati due anni dal 2015 quanto la Camera Civile di Agrigento consapevole del grave danno che stava per essere consumato al nostro Stato democratico e di diritto, da parte dei poteri forte, con l’eliminare la classe dei liberi professionisti per cederla al capitale portava avanti il programma  “difendiamo il diritto dei cittadini di essere difesi.
Oggi abbiamo un alleato il Ministro della Giustizia Orlando, che usando le parole simili, teme che il cittadino sta per perdere l’Avvocato che lo deve difendere, per il suo impoverimento (la classe professionale è divenuta proletariato) ha pensato di fare approvare la legge sull’equo compenso.
La strada non è questa bisogna assolutamente eliminare la legge “Bersani” fermare la falsa lotta alla concorrenza.
I due anni di stallo e di navetta della legge per il “per il mercato e la concorrenza” hanno il 2/8/2017 trovato un tragico epilogo: infatti è stata approvata e deve essere ora promulgata dal Presidente della Repubblica.
Se verrà promulgata le professioni (Avvocati, farmacisti, dentisti, Notai ecc) verranno irreparabilmente travolte dai poteri forti.
I cittadine saranno, si fa per dire, difesi è curati assistiti dal capitale.
La concorrenza ha portato i risparmiatori a dovere pagare la tenuta del denaro presso le banche e dei conti correnti.
Cosa succederà ai loro denti ed alle loro cause?
La Camera Civile di Agrigento ha chiesto al Presidente della Repubblica di non promulgare la legge.
Da ultimo Scalfaro respinse 6 leggi, Ciampi 8 (tra cui , la riforma dell'ordinamento giudiziario), Napolitano 1.
Si allega il testo del telegramma inviato al Presidente della Repubblica e per memoria il manifesto, ed altro della iniziativa “difendiamo il diritto dei cittadini di essere difesi.  di cui questo telegramma è la naturale continuità.
A settembre la Camera Civile si riunirà per verificare quale altre iniziative intraprendere per evitare che IL CITTADINO PERDA L’AVVOCATO (ED IL PROFESSIONISTA IN GENERE) come ora dice anche il ministro Orlando

Avvocato Antonino Maria Cremona, presidente della Camera civile di Agrigento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cremona: "Con l'approvazione della legge sulle professioni vinceranno i poteri forti"

AgrigentoNotizie è in caricamento