menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Crack da 50 milioni di euro", il Riesame: "Burgio resta ai domiciliari"

I giudici avevano acquisito la sentenza di primo grado del processo per bancarotta fraudolenta e dovevano decidere se revocare o meno la misura cautelare nei confronti dell’imprenditore

Giuseppe Burgio resta agli arresti domiciliari. Il tribunale del Riesame di Palermo, chiamati a decidere sulla legittimità dell'ordinanza di custodia cautelare emessa a carico dell'imprenditore empedoclino, hanno deciso. 

"Crack da 50 milioni di euro", si decide sulla scarcerazione di Burgio

A metà mese, i giudici del tribunale del Riesame di Palermo avevano acquisito la sentenza di primo grado del processo per bancarotta fraudolenta e dovevano, appunto, decidere se revocare o meno la misura cautelare nei confronti dell’imprenditore cinquantaquattrenne finito in carcere il 27 ottobre del 2016 e poi ai domiciliari dallo scorso primo marzo. L’avvocato Carmelita Danile aveva insistito a lungo per la revoca della misura detentiva rappresentando la circostanza che “non ci può essere più alcuna esigenza cautelare visto che il procedimento è già arrivato alla fase di appello e l'imputato non ha da anni alcuna disponibilità dei beni aziendali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento