Il crac del gruppo Pelonero, il Riesame annulla l'ordinanza: 10 scarcerati 

I giudici del tribunale della liberà revocano gli arresti domiciliari nei confronti dei 9 componenti della famiglia Sferrazza e della commercialista Gabriella Falzone

I giudici del tribunale della libertà hano annullato l'ordinanza cautelare emessa nell'ambito dell'operazione "Malebranche" sul crack del gruppo Pelonero. Tornano liberi i 10 indagati che, all'alba del 30 luglio, erano finiti ai domiciliari: Gaetano Sferrazza, 78 anni; i figli Gioachino, 54 anni con la moglie Maria Teresa Cani, 54 anni e i figli Gaetano e Fabiana, 29 e 26 anni; Diego, 51 anni con la moglie Giovanna Lalicata, 51 anni e i figli Clelia e Gaetano, 23 e 28 anni e la commercialista Graziella Falzone, 53 anni.

Il crac del gruppo Pelonero, l'inchiesta approda al tribunale del riesame

I difensori - gli avvocati Daniela Posante, Giovanni Castronovo, Antonella Arcieri, Chiara Proietto, Santo Lucia, Salvatore Falzone e Giacinto Paci - avevano presentato il ricorso chiedendo l'annullamento dell'ordinanza, emessa dal gip Luisa Turco su richiesta del pm Alessandra Russo, che aveva disposto gli arresti domiciliari per i componenti della famiglia Sferrazza, accusati di avere fatto sparire cinque milioni di euro da un'impresa all'altra attraverso dei fallimenti pilotati, e la professionista che avrebbe gestito gli aspetti tecnici. L'inchiesta era stata sviluppata dalla Guardia di finanza. 

La difesa aveva, fra l'altro, sostenuto che non c'era alcuna associazione a delinquere perché tutti gli indagati erano legati da un rapporto familiare e parentale e che non c'era alcuna esigenza cautelare perché quasi tutte le aziende erano fallite, dunque non più operative, e sequestrate. 

Le aziende, per il momento, restano sotto sequestro perché la difesa ha impugnato le sole misure cautelari personali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Era un giro di imprese - aveva spiegato il procuratore Luigi Patronaggio in occasione della conferenza stampa in cui ha illustrato i dettagli dell'operazione 'Malebranche', eseguita dalla Guardia di Finanza - create appositamente per essere svuotate, nel momento in cui il volume di affari era maturo, facendo sparire beni e denaro che poi confluivano in un'altra azienda con altri prestanome della stessa famiglia o, comunque, del loro gruppo di collaboratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona e tamponi positivi anche a Licata

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

  • Schizza il bilancio dei positivi nell'Agrigentino, ancora casi a Canicattì e Licata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento