rotate-mobile
Coronavirus

Coronavirus e vaccinazioni: convinti altri 2 mila no-vax, appello di Zappia ai genitori

Il commissario straordinario: "Per i bambini le somministrazioni non superano mai le 400 dosi giornaliere. Non abbiate paura"

"Chi ha fatto la terza dose è libero di poter uscire anche in zona rossa". Il commissario dell'Asp, Mario Zappia, ha ribadito la decisione del Governo perché "chi ha fatto la terza dose è protetto dall'infezione e dalla trasmissione. Motivo per cui chi ha creduto nelle scienza e si è vaccinato per tre volte si ammalano molto meno".  E non infetta se tiene il distanziamento sociale e indossa la mascherina. 

Zappia, nel consueto punto settimanale, ha rilevato la pressione sugli ospedali agrigentini: "Abbiamo 35-40 posti occupati, sui 42, di Ribera. Ma non abbiamo più un incremento lineare. Nella nostra provincia - spiega il commissario straordinario - il virus circola e i posti letto sono occupati da non vaccinati. La pressione e la paura ancora c'è. Procediamo però bene con le vaccinazioni: siamo la secona provincia, in Sicilia, in termini di vaccinazione". 

Covid, in Sicilia più di ottomila nuovi casi (608 nell'Agrigentino): i bambini sotto i 10 anni i più colpiti dal contagio 

"Questa settimana abbiamo fatto - ha spiegato il commissario Zappia - 22.550 vaccinazioni di cui 2 mila prime dosi. Abbiamo altri 2 mila no-vax convinti dunque, ma piano piano si conviceranno tutti quelli che sono stati dubbiosi rispetto ai convinti no-vax. Per i bambini le vaccinazioni non superano mai le 400 dosi giornaliere. Un appello dunque ai genitori - conclude - affinché non abbiano paura a far somministrare i piccini alle vaccinazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e vaccinazioni: convinti altri 2 mila no-vax, appello di Zappia ai genitori

AgrigentoNotizie è in caricamento