Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vax day al San Giovanni di Dio, la direzione sanitaria: "Ottima risposta del personale”

La prima fase delle vaccinazioni che coinvolge medici, infermieri e altro personale sanitario continuerà fino al giorno dell’Epifania

 

Seconda intensa giornata di vaccinazioni anticovid all’ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento dove, in questa prima fase che coinvolge solo il personale sanitario del nosocomio, sono arrivati 77 flaconi del vaccino Pfizer – BioNTech.  Sono complessivamente 462 le dosi da somministrare durante questo  primo step di campagna di vaccinazione che si chiude il prossimo 6 gennaio.

Coronavirus, somministrati 4.438 vaccini: 373 fra gli ospedali della provincia
Coronavirus, somministrati 4.438 vaccini: 373 fra gli ospedali della provincia

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/agrigento-vaccino-coronavirus-ospedali-dati.html

“Da parte del personale – dice, ai microfoni di AgrigentoNotizie, Maria Rosaria Gallea della direzione sanitaria dell’ospedale – c’è stata un’ottima risposta.  Concluderemo questa prima fase giorno sei – aggiunge – e poi ci saranno fornite altre dosi che ci consentiranno di continuare con le vaccinazioni. Una sola dose non basta – precisa il dirigente medico – è necessario effettuare un richiamo ventuno giorni dopo la somministrazione del primo vaccino”.

Medici, infermieri e il personale sanitario del San Giovanni di Dio dunque non si stanno sottraendo all’immunizzazione indotta dal vaccino. 
Prima di tipicizzare un vaccino passano anni – spiega Salvatore Pantalena del dipartimento Emergenza dell’Asp –, invece in poco meno di un anno abbiamo avuto una risposta formidabile dalle case farmaceutiche. Così come altrettanto  importante – aggiunge Panatalena – è l’adesione del personale sanitario che si vaccina e che tutela la salute dei cittadini”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento