menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Tari, per gli agrigentini è una mazzata: nel 2020 è stata la quarta più cara d'Italia

L'importo versato è stato di oltre 469 euro a fronte di una media nazionale di oltre 150 euro in meno. A Brescia si paga solo 184 euro. Tutti i dati dello studio Uil

Tari, quanto ci costi? Tanto, troppo. A dirlo è l'annuale report realizzato dal centro Uil Servizio Lavoro, Coesione e Territorio, il quale ha analizzato l'importo versato dai cittadini in tutti i capoluoghi di provincia d'Italia, tracciando una "pagella" che certamente non premia il nostro territorio.

Secondo l'analisi delle bollette pagate in media da una famiglia con 4 componenti, in possesso di un'abitazione di 80 metri quadri e un reddito Isee di 25 mila euro, ad Agrigento si è pagato nel 2020 469,60 euro. Peggio di noi solo Trapani (493,90), Crotone (475,91) e Benevento (471,80 euro). Gli altri capoluoghi siciliani ci guardano da "lontano", con Catania a 403 euro, Palermo a 281 euro o Enna a 276 euro.

Una "mazzata" anche perché il costo della tassa secondo la Uil à e al netto dei proclami dei governi territoriali pro-tempore, è calato di poco dopo essere cresciuto in modo significativo. Nel 2016, infatti, una famiglia delle medesime dimensioni pagava solo 419,86 euro, contro gli oltre 478 dell'anno successivo. Importo che è sceso solo nel 2019 assestandosi di fatto nel 2020. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Giardinetti del campo sportivo: arriva l'adozione da parte di privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento