rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022

"Basta rattoppi, vogliamo strade moderne e sicure": marcia di protesta di sindaci e cittadini

La manifestazione si è svolta sull'unica arteria che collega i centri dei monti Sicani con l'ospedale di Ribera

Dopo la marcia sulla statale 640 del 25 gennaio 2020, i gilet gialli della "gente indignata" sono tornati a protestare per lo stato dissesto in cui versano le strade agrigentine. Amministratori comunali, responsabili del cartello sociale (formato da organizzazioni sindacali e curia) e molti studenti pendolari si sono radunati in mattinata lungo la strada provinciale numero 32, la "Mare e Monti" che collega i centri dei monti Sicani alla statale 115 di Ribera.

Una marcia silenziosa e che chiede invece a gran voce, interventi urgenti per rendere sicura e veloce, l'unica strada di collegamento diretto fra l'entroterra agrigentino e il primo ospedale di prossimità, ovvero il Fratelli Parlapiano di Ribera.

I sindaci, che hanno sfilato con addosso la fascia tricolore, chiedono l'utilizzo dei fondi del Pnrr per eliminare il gap infrastrutturale della provincia di Agrigento. "Basta interventi tampone, vogliamo strade moderne e sicure": è stato lo slogan che i primi cittadini hanno più volte lanciato durante il corteo di protesta.

"No all'isolamento della provincia agrigentina", sindaci e parroci in strada con i cittadini "indignati"

Video popolari

"Basta rattoppi, vogliamo strade moderne e sicure": marcia di protesta di sindaci e cittadini

AgrigentoNotizie è in caricamento