Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

La "cricca" dell'edilizia privata del Comune di Palermo, tutti rinviati a giudizio: anche imprenditori agrigentini

Il gup Emelinda Marfia ha fissato a gennaio il processo per gli imputati coinvolti nell'inchiesta "Giano Bifronte" che, a febbraio scorso, aveva svelato l'esistenza di un giro di mazzette. Tra di loro funzionari ed ex consiglieri comunali

Il gup Emelinda Marfia ha rinviato a giudizio tutti gli imputati coinvolti nell'inchiesta "Giano Bifronte" che, a febbraio scorso, aveva svelato l'esistenza di una presunta "cricca" all'Edilizia privata del Comune e un giro di mazzette.

Edilizia e mazzette, terremoto al Comune di Palermo: arrestati anche imprenditori agrigentini

Il processo inizierà l'11 gennaio in tribunale per due funzionari comunali, Mario Li Castri, ex dirigente dell’Area tecnica del Comune, e Giuseppe Monteleone, già dirigente dello Sportello unico delle Attività produttive, per l’architetto Fabio Seminerio, per gli ex consiglieri comunali Giovanni Lo Cascio (già capogruppo del Pd e presidente della commissione Urbanistica del Comune), e Sandro Terrani, all’epoca capogruppo di Italia viva, membro della commissione Bilancio, ma anche i costruttori della Biocasa srl, Giovanni Lupo e Francesco Lo Corte, per Agostino Minnuto, direttore dei lavori di un cantiere della Biocasa e l’architetto Giovanna D’Attardi, compagna di Monteleone, che dalla Biocasa avrebbe avuto diversi incarichi.

Il giudice ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Sergio Demontis e dei sostituti Giovanni Antoci e Andrea Fusco, che hanno coordinato le indagini della guardia di finanza su alcuni piani di edilizia privata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "cricca" dell'edilizia privata del Comune di Palermo, tutti rinviati a giudizio: anche imprenditori agrigentini

AgrigentoNotizie è in caricamento