Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Sicilia a rischio moderato, il piano: "Tutta Italia in zona rossa a Pasqua e coprifuoco anticipato alle 20"

L'Isola è tra le poche regioni che non avrebbe "alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane". Intanto il presidente dell'Iss, Brusaferro, ha proposto una zona gialla "rafforzata" che dovrebbe vedere la possibilità di far scattare la chiusura dei negozi entro le 19

La Sicilia è tra le regioni d'Italia con "classificazione di rischio moderato" ed è tra le poche che non avrebbe "alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane". Ma potrebbe essere coinvolta nel piano del governo Draghi che vorebbe portare tutta l'Italia in zona rossa a Pasqua e Pasquetta e varare altre restrizioni nei giorni pre-festivi e in quelli successivi, esattamente come ha fatto l'esecutivo di Giuseppe Conte a Natale, portando così il lockdown delle festività in Italia. Il piano scatterà in caso di incremento esponenziale dei contagi, mentre il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro ha proposto ieri una zona gialla "rafforzata" o rinforzata che dovrebbe vedere la possibilità di far scattare il coprifuoco alle 20 e non alle 22, con chiusura di tutti gli esercizi commerciali entro le ore 19.

La possibilità di anticipare il coprifuoco alle ore 20 è stata discussa una prima volta mentre si parlava del primo Dpcm del presidente del Consiglio Mario Draghi, poi firmato il 2 marzo e in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile. Poi è stata scartata ma è rimasta sul tavolo in attesa di comprendere come evolveranno la curva dei contagi e quella dei ricoveri. Un'altra idea è quella di limitare gli spostamenti non necessari per motivi di salute, lavoro o estrema necessità e urgenza. Qui nel mirino c'è la famosa deroga per le visite a parenti e amici una volta al giorno rispettando il coprifuoco. È già stata vietata in zona rossa e alcune ordinanze regionali con il passaggio all’arancione scuro - come quella entrata in vigore in Lombardia - hanno già previsto la stessa restrizione. A questo punto non è escluso che si possa decidere di uniformare le misure in tutta Italia ad esclusione delle zone gialle.

l governo ragiona anche attorno all'ipotesi di blindare la Pasqua estendendo la zona rossa alle festività come è successo a Natale con l'esecutivo Conte. Silvio Brusaferro dell'Istituto Superiore di Sanità ha suggerito l'ipotesi di rafforzare la zona gialla con il coprifuoco alle 20 ma la decisione è stata rinviata per i timori dell'impatto che avrebbe sulle attività commerciali: dovrebbero chiudere alle 19. Per Pasqua e Pasquetta invece l'idea è di fare come ha fatto il governo Conte Bis a Natale: dichiarare una zona rossa in tutta Italia nei giorni di festa e mitigare di poco le restrizioni nei pre-festivi. In questo caso si profila anche un addio a cinema e teatri aperti il 27 marzo.

Secondo le prime indiscrezioni in zona rossa potrebbero finire Abruzzo e Campania, insieme a Basilicata e Molise. Ma anche Lombardia, Emilia-Romagna, Marche e le province Trento e Bolzano rischiano misure più restrittive. Veneto e Friuli-Venezia Giulia sono invece candidate a finire in zona arancione: l'Italia del Nord sarebbe così quasi tutta di quel colore, tranne la Valle d'Aosta e la Liguria. Vincenzo De Luca su Facebook ha annunciato che "la Campania è ormai zona rossa". 

Dieci regioni e province autonome hanno un Rt puntuale maggiore di 1. Sono Basilicata, Emilia-Romagna, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Trento, Toscana, Valle d'Aosta e Veneto. Di queste, il Molise ha un Rt con il limite inferiore superiore a 1.25, compatibile con uno scenario di tipo 3. Delle altre nove, sei hanno un Rt nel limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/province autonome hanno un Rt compatibile con uno scenario di tipo uno. Sono 14 le Regioni e province autonome con una classificazione di rischio moderato: Basilicata, Calabria, Lazio, Liguria, Molise, Piemonte, provincia di Bolzano, provincia di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta e Veneto - prosegue il report -. Di queste nove hanno una alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane: Calabria, Molise, Piemonte, le provinca di Trento, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta e Veneto. Analogamente a quanto avviene in altri Paesi europei - si legge nel report - si rende necessario un rafforzamento/innalzamento delle misure su tutto il territorio nazionale al fine di ottenere rapidamente una mitigazione del fenomeno. L'incidenza settimanale complessiva si sta rapidamente avvicinando alla soglia di 250 casi per 100.000 abitanti, che impone il massimo livello di mitigazione possibile. Questa soglia è già stata superata dalla Provincia Autonoma di Trento (385,02 per 100.000 abitanti), dalla Provincia Autonoma di Bolzano (376,99 per 100.000 abitanti), dall'Emilia-Romagna (342,08 per 100.000 abitanti), dalle Marche (265,16 per 100.000 abitanti) e dalla Lombardia (254,44 per 100.000 abitanti).

L'indice di contagio Rt medio calcolato sui casi sintomatici in Italia è attualmente pari a 1.06, ovvero è in crescita. Era 0,99 la scorsa settimana, con un limite superiore già oltre 1. Il dato è attualmente all'esame della cabina di Regia che sta analizzando i dati del monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute che sarà presentato nel pomeriggio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicilia a rischio moderato, il piano: "Tutta Italia in zona rossa a Pasqua e coprifuoco anticipato alle 20"

AgrigentoNotizie è in caricamento