menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terzo caso di Covid-19 in altrettanti giorni a Casteltermini: il focolaio è quello del paziente 1

E' risultato positivo il tampone rino-faringeo al quale è stato sottoposto un familiare dell'infermiere trentenne. Gli altri test, più di venti, hanno invece dato esito negativo

C’è un nuovo contagiato da Coronavirus – ed è il terzo in altrettanti giorni – a Casteltermini. Il focolaio - quello castelterminese - è sempre lo stesso: quello riconducibile all’infermiere trentenne. Dopo che la nonna del ragazzo ha perso la vita, per patologie pregresse, ed è risultata positiva al Covid-19 con un tampone post-mortem, adesso un altro familiare del giovane risulta essere infetto.

Il Covid-19 è arrivato nell'area montana: c'è il primo tampone positivo a Casteltermini, è un 30enne

Sono stati più di 20 gli esiti dei tamponi rino-faringei che, nelle ultime ore, stanno arrivando fra Casteltermini e l’Asp di Agrigento. Tutti, tranne uno appunto, sono negativi. E si tratta delle persone che hanno avuto, in un modo o nell’altro, contatti diretti con il paziente 1 di Casteltermini. Ma l’indagine epidemiologica non è ancora finita. Pare che si attendono ulteriori esiti di tamponi rino-faringei e pare che, anche nelle ultime ore, anche altre persone siano state sottoposte alle necessarie verifiche sanitarie.  

Muore pensionata 90enne ricoverata in ospedale: è la nonna del 30enne di Casteltermini risultato positivo al Covid-19

Tanto a Casteltermini quanto a Mussomeli (nell'ospedale cittadino era ricoverata ed è morta la nonna novantenne dell'infermiera) sono state attuate tutte le misure necessarie e con la massima tempestività. All'ospedale di Mussomeli, al momento, non risultano esserci infetti fra gli operatori sanitari. Solo un paziente, ricoverato nello stesso reparto dell'anziana deceduta, è risultato essere positivo - ha reso noto il direttore generale dell'Asp di Caltanissetta: Alessandro Caltagirone - e, in via precauzionale, è stato trasferito nel reparto di Malattie infettive dell'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta. "In attesa di tutti i risultati, in via precauzionale, anche gli altri due pazienti del reparto di Lungodegenza verranno trasferiti al presidio ospedaliero Sant’Elia - aveva già preannunciato stamani, a metà mattinata, il dg dell'Asp di Caltanissetta - per approfondimenti diagnostici e consulenze specialistiche".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento