Coronavirus: trovati i posti letto per i "positivi", aumentano gli infermieri e pronto l'interscambio per Terapia intensiva

Firmato un protocollo con l'Asp di Caltanissetta: i pazienti agrigentini affetti da Covid-19 che avranno bisogno di Rianimazione verranno trasferiti al "Sant'Elia". Quanti sono ricoverati per altre patologie nell'ospedale nisseno verranno trasferiti al "San Giovanni di Dio"

FOTO ARCHIVIO

Gli ospedali sono pronti a fare quadrato. L'emergenza Coronavirus ha indotto l'Asp di Agrigento a ricorrere a delle misure più che mai urgenti.

Coronavirus, esodo dei fuori sede: Razza presiede vertice su controlli

L'azienda sanitaria Provinciale di Agrigento ha individuato, presso i presidi ospedalieri di Agrigento, Sciacca, Licata e Canicattì, la disponibilità immediata di posti letto per il trattamento, non in terapia intensiva o sub-intensiva, di pazienti affetti da Covid-19. Sono stati inoltre potenziati gli organici del personale infermieristico con l’immissione in servizio, a partire dall’inizio della prossima settimana, di circa 50 unità dedicate specificamente alla cura delle persone affette da Coronavirus. 

Tre positivi a Sciacca nelle ultime ore e tampone negativo per un bimbo di Ribera

Non sono gli unici provvedimenti che l'Asp ha preso. Infatti, l'azienda sanitaria provinciale, in queste ore, ha siglato un protocollo con l’Asp di Caltanissetta che prevede l’ottimizzazione e la rimodulazione dei reparti di terapia intensiva delle due province.

Coronavirus: sale il numero dei contagiati, un caso in più per la provincia

L'Asp di Caltanissetta, diversamente da quanto in atto ad Agrigento, sono attivi 10 posti in Malattie Infettive e 10 posti in Pneumologia, le direzioni Strategiche delle due aziende, hanno ridefinito la distribuzione numerica e qualitativa dei pazienti bisognosi di cure in terapia intensiva.

Nel dettgaglio viene stabilito con efficacia immediata che i posti in terapia intensiva presso l’Asp di Caltanissetta siano dedicati esclusivamente al trattamento di casi Covid-19 e che gli stessi accolgano non solo i pazienti del comprensorio nisseno ma anche quelli, eventuali, provenienti dalla provincia di Agrigento.

Il Governatore Musumeci: "Il nosto vaccino? Rispettate le regole"

L'Asp di Agrigento, che non tratterà i pazienti Covid-19 in terapia intensiva, destinerà i sedici posti di terapia intensiva “ordinaria” attualmente disponibili (otto presso l’ospedale di Agrigento e otto a Sciacca) sia ai pazienti “non Covid-19” agrigentini che quelli della provincia di Caltanissetta.

Coronavirus, in via Dante l'applauso che emoziona: è per medici e infermier

"Per effetto di quanto stabilito - fa sapere l'asp di Agrigento - nel corso della prossima settimana l’Asp di Caltanissetta procederà a trasferire i propri pazienti già in cura presso il reparto di terapia intensiva di Agrigento. Le due aziende Sanitarie si terranno in stretto contatto informando costantemente il Seus 118 per la gestione delle emergenze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento