Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Seconda ondata Covid, dopo il focolaio arriva lo stop a tutte le visite al San Giovanni di Dio

La direzione dell’ospedale ha disposto il divieto assoluto di ingresso ai non pazienti limitando gli accessi ai soli accompagnatori di minori e soggetti non autosufficienti

 

L’insorgere, da inizio novembre, di sedici casi di positività al covid, riscontrati in altrettanti soggetti, direttamente e indirettamente legati all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, ha indotto la direzione a vietare l’ingresso ai reparti di degenza al pubblico .

Coronavirus, l'Asp conferma: 16 positivi dall'inizio del mese fra medici e infermieri
Coronavirus, l'Asp conferma: 16 positivi dall'inizio del mese fra medici e infermieri

 

Potrebbe interessarti: https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/coronavirus-ospedale-san-giovanni-di-dio-positivi.html

“Visto l’attuale andamento della diffusione della pandemia da Covid-19 e tenuto conto del Dpcm del 03.11.2020 – si legge in un avviso affisso negli ingressi della struttura – è sospeso l’accesso ai visitatori ai reparti di degenza, salvo i casi particolari – si legge ancora nelle disposizioni sottoscritte dal direttore sanitario Antonello Seminerio e dalla responsabile amministrativa Angela Chiarelli – compresi i minori ed i soggetti non autosufficienti, che saranno autorizzati formalmente dai direttori delle unità operative. E’  altresì vietato – si legge ancora nell’avviso – agli accompagnatori dei pazienti, di permanere nelle sale di attesa e accettazione e dei pronto soccorso”.

Anche al San Giovanni di Dio, dunque, è stato adottato lo stesso provvedimento, che nell’ottobre scorso, era stato disposto al San Giacomo d’Altopasso di Licata: anche in quel caso, un incremento di casi in città aveva indotto le autorità sanitarie a vietare l’ingresso del pubblico in ospedale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento