Coronavirus: morta 68enne di Sciacca (+34) e contagiato medico di base, 3 positivi a Lampedusa

Sulla più grande delle isole Pelagie, dopo il caso dell'operaio dell'aeroporto, sono risultati infettati due ambulanzieri e un tecnico di laboratorio in servizio al Poliambulatorio

Una nuova vittima - la quinta, da quando è scoppiata l'emergenza sanitaria determinata da Covid-19, - a Sciacca e tre contagiati a Lampedusa dove i casi, complessivamente, diventano 4. 

A perdere la vita, alla Terapia intensiva dell'ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, è stata una 68enne ricoverata da circa una settimana. Sempre in Terapia intensiva è ricoverata un'altra donna, più anziana rispetto a colei che ha perso la vita. Sempre a Sciacca si registra un nuovo caso i contagiati, di questa seconda ondata, salgono a 34. Si tratta di un cinquantenne, medico di base, che s'è visto comunicare oggi l'esito positivo del tampone. L'Asp sta cercando di risalire a tutti i pazienti che il sanitario ha incontrato di recente. 

Coronavirus anche a Lampedusa dove, dopo il caso dell'operaio dell'aeroporto, si registrano tre contagi: due ambulanzieri e un tecnico di laboratorio in servizio al Poliambulatorio. Dopo aver avuto la conferma dei casi Covid, sono stati effettuati tamponi al resto del personale medico e sanitario che lavora nella struttura e nessun altro di loro è risultato positivo.

Sull'isola, intanto, impazza la polemica: "La notizia è confermata dallo stesso Poliambulatorio. Ma il sindaco a che gioco sta giocando? Non possiamo essere noi a scoprire e ad informare i cittadini di Lampedusa su quello che accade per salvaguardarsi - hanno scritto da 'Società aperta Lampedusa e Linosa' - . Sulla salute pubblica non si scherza e non ci sono interessi economici che tengano".

Poco dopo, sempre sui social, è stato lo stesso sindaco delle Pelagie Totò Martello a confermare: "Lo sapevamo, lo sappiamo, la pandemia Coronavirus è tuttora in corso e il rischio di contagio è costante. Non bisogna lasciarsi condizionare dal panico o dalle polemiche, bisogna invece seguire con scrupolo le indicazioni che già conosciamo, ad iniziare dal rispetto della distanza interpersonale, l'utilizzo della mascherina e il frequente lavaggio delle mani. Si invita inoltre la cittadinanza a limitare il ricorso ai servizi del Poliambulatorio alle situazioni di reale necessità ed urgenza, e dunque di non recarsi nella struttura per motivi che non richiedano l'intervento di personale medico o sanitario". 

Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Auto sbatte contro un cancello e si ribalta lungo la statale 122, morto il ventiseienne

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, nel "valzer" di guarigioni e nuovi contagi c'è una nuova vittima: è un grottese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento