Cronaca

Coronavirus, la fabbrica solidale: l'imprenditore Moncada pronto a realizzare 15mila mascherine in tessuto

Appello a volontari e commercianti, le prime ottocento sono quasi pronte e saranno consegnate a dei lavoratori

La realizzazione delle mascherine in tessuto

Dopo avere donato centomila euro all’ospedale San Giovanni di Dio, l’imprenditore Salvatore Moncada, ha scelto di produrre delle mascherine. L’emergenza Coronavirus ha svuotato gli armadietti delle principali farmacie della città. Niente più mascherine e neppure gel igienizzanti, tutto finito. L’imprenditore agrigentino, tramite il suo canale social, ha lanciato un appello agli agrigentini chiamando a raccolta sarte e persone che abili nel cucito. Moncada, ha recapitato – facendo leva anche sulla disponibilità di qualche commerciante – dei tessuti affinché le mascherine siano efficaci. Doppio strato, un taglio perfetto e degli elastici: una vera e propria catena di montaggio. L’imprenditore ha lasciato una mail di riferimento lanciando un chiaro appello: “Chi può – ha detto Moncada – ci dia una mano. Siamo in casa, facciamo qualcosa di speciale”.

Emergenza Coronavirus, sei respiratori per Terapia intensiva: il gruppo Moncada dona 100mila euro al "San Giovanni di Dio"

Sono tanti gli agrigentini che hanno risposto all’appello. "L'obiettivo - spiega Moncada - è quello di realizzare circa 15000 mascherine con materiale fornito al 90 per cento da Moncada Energy, al 10 per cento da Messina tessuti, con forniture al valore del costo da parte di Texart Agrigento (80 per cento) e Vogliatessuti di Canicatti (20 per cento) e le attività di logistica e cucitura sono invece eseguiti con ausilio di cittadini volontari della provincia di Agrigento di cui faremo pubblicamente menzione al completamento. Le mascherine non sono destinate ai singoli cittadini in quanto questi devono essere in quarantena ma solo come  di chi lavora, e dovranno essere sterilizzare ogni giorno".

La catena solidale, ad oggi, ha prodotto e consegnato le prime 800 mascherine da cucire. Lunedì toccherà ad altre semila mascherine. Una vera e propria fabbrica benefica. "Siamo a quasi metà percorso del taglio - ha detto Moncada. Ora sarà importante l'impegno dei volontari che li mettono assiemeno per cucire".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la fabbrica solidale: l'imprenditore Moncada pronto a realizzare 15mila mascherine in tessuto

AgrigentoNotizie è in caricamento