rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Emergenza Coronavirus, l'infettivologo: "Se caliamo l'attenzione c'è il rischio di una nuova ondata"

Antonio Cascio, primario di Malattie infettive del policlinico di Palermo, parla delle conseguenze negative che potrebbe comportare un "calo di tensione nei comportamenti"

"Se calerà l'attenzione non è escluso che potrà esserci una nuova ondata di casi da Coronavirus col freddo". Il monito, in un'intervista pubblicata dal quotidiano La Sicilia, arriva da Antonio Cascio, primario di Malattie infettive del policlinico di Palermo.

"Il virus - spiega - circola meno e si hanno meno probabilità di contagio. Tuttavia nei mesi più freddi ci saranno meno raggi ultravioletti, si starà più nei locali chiusi e vicini l'uno con l'altro. Se calerà l'attenzione, non si può escludere che ci sarà una nuova ondata".

Cascio, in ogni caso, si dice ottimista e non prevede "ondate evidenti e brutte, sicuramente non in Sicilia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Coronavirus, l'infettivologo: "Se caliamo l'attenzione c'è il rischio di una nuova ondata"

AgrigentoNotizie è in caricamento