Perchè si può andare al bar e al ristorante ma non si può fare udienza? Continua il pressing degli avvocati

Sottoscritto un documento comune insieme ai rappresentanti degli Ordini forensi del distretto per chiedere la ripresa dell'attività giudiziaria

La fila all'ingresso del tribunale ieri mattina

Perché, da lunedì scorso, si può andare al bar, al ristorante, dal parrucchiere o in qualsiasi negozio e non si può celebrare un'udienza in tribunale neppure a porte chiuse e con la sola presenza delle parti? Se lo chiedono gli avvocati agrigentini che, nelle scorse ore, hanno aderito a un'iniziativa di tutti gli Ordini forensi del distretto di Palermo al quale appartiene quello locale.

"Alla ripartenza delle attività di carattere economico e commerciale - si legge nel documento sottoscritto pure dal commissario straordinario dell'Ordine di Agrigento Silvio Miceli - fa da contraltare la situazione, gravemente insoddisfacente, della amministrazione della giustizia nel distretto, caratterizzata da provvedimenti eterogenei ma comunque accomunati da una sensibile restrizione dell’accesso alla domanda di giurisdizione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sintesi del documento unitario è quella di chiedere al ministro della Giustizia di adottare un provvedimento comune dato che, nella sostanza, si è demandata ogni decisione ai presidenti dei tribunali: ad Agrigento sono stati applicati diversi correttivi al provvedimento iniziale e, fra una settimana, è previsto un incontro decisivo per la ripartenza del primo giugno. "Chiediamo con forza - concludono -, nell'interesse dei cittadini e di tutti gli avvocati, la piena ripresa dell’attività giudiziaria, che appare ad oggi assolutamente ineludibile, mediante l’adozione di idonee linee guida organizzative". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Fase 2": movida e assembramenti, alcol vietato dalle 21 e locali chiusi a mezzanotte

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento