Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Coronavirus e "fase 2": spostamenti solo se motivati, servirà ancora l'autocertificazione

La novità più importante contenuta nell'ultimo dpcm è che si potrà uscire di casa "per incontrare i congiunti". In arrivo un nuovo modello

Altro che fine del lockdown. Come annunciato dal premier Conte, le misure sul distanziamento sociale e le limitazioni agli spostamenti restano confermate anche dopo il 4 maggio. In poche parole per muoversi servirà ancora l’autocertificazione: gli spostamenti rimarranno consentiti solo se "motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità" e "motivi di salute".

Coronavirus, le novità contenute nell'ultimo dpcm

Una delle (poche) novità importanti è che si potrà uscire di casa, pur rimanendo all’interno della propria regione, anche "per incontrare i congiunti". A quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, oltre che ai propri parenti si potrà  fare visita anche a fidanzati e affetti stabili (la materia però è oggetto di dibattito). Altra novità importante riguarda i parchi pubblici che saranno riaperti. Tuttavia, si legge nel decreto, all’interno di giardini e ville comunali bisognerà rispettare la "distanza interpersonale di un metro" e i sindaci potranno "disporre la temporanea chiusura di specifiche aree" in cui non sia possibile osservare il distanziamento sociale.

Confermato il divieto di spostarsi tra le regioni

Restano chiuse "le aree attrezzate per il gioco dei bambini". Un’altra "concessione" riguarda le attività sportive e motorie che dal 4 maggio saranno consentite a livello individuale anche lontano dalla propria abitazione, ma con l'obbligo per chi fa jogging di mantenere la distanza di due metri.  Alle persone che erano rimaste bloccate all’inizio della quarantena sarà inoltre permesso di rientrare al proprio domicilio o residenza. Resta invece valido il divieto di spostarsi da una regione all’altra a meno di non avere una valida giustificazione (tra cui appunto quella di rientrare presso la propria abitazione, motivi di salute o esigenze lavorative "di assoluta urgenza" ).

Ricapitolando:

  • Dal 4 maggio gli spostamenti restano consentiti solo per: a) esigenze lavorative; b) situazioni di necessità; c) motivi di salute; d) per far visita ai propri congiunti.
  • Si potranno fare attività sportive e motorie (dunque in teoria anche "passeggiate", ma probabilmente questo aspetto verrà chiarito successivamente dalle Faq del ministero dell'Interno) anche lontano dalla propria abitazione purché da soli. 
  • Sarà consentito rientrare presso la propria abitazione o residenza.  

Autocertificazione, in arrivo un nuovo modulo

Dal prossimo 4 maggio ci sarà dunque un nuovo modulo di autocertificazione, di cui al momento non si conosce il contenuto, ma che ovviamente terrà in considerazione le regole introdotte con l’ultimo dpcm. Sic stantibus rebus è probabile, ma per nulla scontato, che dal 18 maggio il sistema dell’autocertificazione possa venire meno. Molto dipenderà anche dall’andamento della curva epidemiologica, ma è certo che con l’annuncio di ieri il premier Conte ha scontentato quei tanti italiani che speravano in una parziale riapertura del Paese. Far digerire loro un’ulteriore proroga del lockdown anche dopo il 18 maggio potrebbe essere molto difficile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e "fase 2": spostamenti solo se motivati, servirà ancora l'autocertificazione

AgrigentoNotizie è in caricamento