rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, aumenta la violenza domestica: in un mese più di 50 "Sos"

Antonella Gallo Carrabba: "La convivenza forzata ha maggiormente acuito alcune situazioni, perché se già il rapporto non andava bene prima figuriamoci adesso che c'è la convivenza 24 ore su 24"

Con il Coronavirus e le convivenze forzate aumentano i casi di violenza domestica. In un mese sono più di una cinquantina le telefonate arrivate al centro antiviolenza e antistalking Telefono Aiuto di Agrigento che ha attivato il nuovo numero telefonico e garantisce assistenza anche via chat. "Siamo chiusi perché non possiamo fare i colloqui presso la nostra sede ma questo non ferma la nostra attività, ci siamo sempre e comunque, è attivo il cellulare 3512712588 per qualsiasi richiesta di informazioni e consulenza" - ha spiegato la responsabile di Telefono Aiuto Antonella Gallo Carrabba.

"La convivenza forzata - aggiunge - ha maggiormente acuito alcune situazioni, perché se già il rapporto non andava bene prima figuriamoci adesso che c'è la convivenza 24 ore su 24. In un mese abbiamo ricevuto almeno una chiamata al giorno di nuove utenti alle quali si aggiungono quelle che già seguiamo. Diverse donne ci contattano anche via chat su Instagram o Facebook, abbiamo notato che questo avviene soprattutto di sera tardi, forse quando il compagno si addormenta. I casi che ci hanno segnalato in questi giorni sono soprattutto di violenza psicologica del marito sulla moglie. Ci sono stati anche casi di violenza fisica, ma la maggior parte delle volte quella che è emerge è la violenza di tipo psicologico che in questo periodo si acuisce di più".

Coronavirus e convivenze forzate, l'arcivescovo: "Troppe famiglie mordi e fuggi sono in crisi"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, aumenta la violenza domestica: in un mese più di 50 "Sos"

AgrigentoNotizie è in caricamento