Bloccata in Tunisia con la bimba di 4 anni, Adriana: "Hotel chiusi, fateci tornare a casa"

La riberese: "Sono partiti due aerei con tratta Tunisi-Roma ma avendo a seguito un'auto mi è stato impossibile poter andare via. L'unica soluzione poteva essere quella di lasciare l'auto alla dogana pagando una tassa molto alta, superiore al prezzo del veicolo"

Adriana Sedita di Ribera

"Sono rimasta bloccata in Tunisia con mia figlia di 4 anni, faccio un appello al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: ci aiuti a rientrare in Sicilia". Lo dice in un video inviato da Tunisi tramite Whatsapp la giovane Adriana Sedita, di Ribera. Si tratta dell'ennesimo caso di agrigentini che rimangono bloccati in tutt'altra parte del mondo e che chiedono solo di poter rientrare - in questo momento di emergenza sanitaria mondiale - a casa propria. 

Bloccato in Bulgaria a causa del Covid-19, l'appello: "Fatemi tornare dalla mia famiglia"

"Mi trovo a Tunisi - racconta nel video - per poter dare la possibilità a mia figlia di 4 anni di poter restare un po' con il papà e con il resto della famiglia paterna perchè essendo cittadini tunisini non è molto facile che possano venire in Italia. Sono qua dal 22 febbraio e dopo le nuove restrizioni a causa del Coronavirus non siamo potuti rientrare in Italia, giorno 20 marzo sono partiti due aerei con tratta Tunisi-Roma ma avendo a seguito un'auto mi è stato impossibile poter partire. L'unica soluzione poteva essere quella di lasciare l'auto alla dogana pagando una tassa molto alta, anche superiore al prezzo dell'auto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bloccato ad Antigua a causa dell'emergenza Covid 19, Gerlando: "Sono stato contattato dalla Farnesina"

"Ho chiamato diverse volte l'ambasciata italiana e mi ha detto di restare dove siamo - ha continuato a raccontare la riberese - . Anche qua la situazione è difficile, sono in contatto con un gruppo di motociclisti che anche loro vogliono rientrare, hanno passato brutti momenti vista la chiusura degli hotel e ora sono ospiti nella zona del deserto da un amico. Le navi merci partono dall'Italia e trasportano tunisini che vogliono rientrare nel loro paese. Anche noi chiediamo a gran voce di rientrare nel nostro Paese". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orrore nel Messinese, strangolata e uccisa una studentessa di Favara

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento