rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Coro di Santa Cecilia, gara di solidarietà per garantire ospitalità dopo lo “sfratto” da Santo Spirito

Si sono messe a disposizione le parrocchie di Santa Maria degli Angeli, Badiola, San Giacomo, San Giuseppe e anche una chiesa di Grotte. Disponibile, grazie all’Ente Parco, anche un salone del Palacongressi

Il coro di Santa Cecilia potrà scegliere tra diverse proposte da parte alcune parrocchie: tutte quante si sono messe a disposizione offrendo i propri locali per consentire le esercitazioni dopo lo “sfratto” dal monastero di Santo Spirito.

Nei giorni scorsi il presidente del “Santa Cecilia”, Giuseppe Montana Lampo, aveva comunicato la notizia della decisione, da parte del Comune di Agrigento, di non concedere più il salone di Santo Spirito che “per 40 anni è stato la sede storica delle esercitazioni”.

In particolare hanno offerto ospitalità, accogliendo l’appello di Montana Lampo, le parrocchie di Santa Maria degli Angeli, della Badiola, di San Giacomo, San Giuseppe e anche una parrocchia di Grotte. 

Ed infine anche l’Ente Parco Valle dei Templi ha messo a disposizione un salone del Palacongressi.

“Attualmente - dice Montana Lampo - il coro è ospitato  nell’ampio salone di San Giuseppe dove prepara il programma dei prossimi concerti natalizi che realizzerà in città e nella Sicilia occidentale. Ringraziamo di cuore i parroci, i privati cittadini e l’Ente Parco Valle dei templi che si sono resi protagonisti di una grande risposta di civiltà e di sostegno concreto nei riguardi  di una istituzione musicale da decenni presente nel nostro territorio, che ha promosso in Italia e all’estero la migliore immagine della nostra città e della Sicilia”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coro di Santa Cecilia, gara di solidarietà per garantire ospitalità dopo lo “sfratto” da Santo Spirito

AgrigentoNotizie è in caricamento