rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Stretta sul lavoro nero nelle campagne agrigentine: denunce, controlli e multe da 110 mila euro

Sono stati individuati 37 irregolari e sospese due attività imprenditoriali. Nei guai quattro imprenditori

Pugno duro contro il lavoro nero nelle campagne agrigentine. I carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Agrigento, insieme ai militari del comando provinciale, hanno scoperto decine di casi di caporalato e sfruttamento in aziende agricole e vitivinicole. 

Controlli a tappeto sono stati effettuati dai carabinieri nelle campagne di Bivona, Menfi, Campobello di Licata, Sambuca di Sicilia, Santa Margherita Belice e Cammarata. All’interno di dieci aziende ispezionate - fanno sapere i militari - sono stati individuati 37 lavoratori in nero, conseguentemente due attività imprenditoriali sono state sospese mentre altre cinque non sono state sospese, ai sensi della circolare del Ministero del Lavoro, "per non arrecare danni al raccolto".

Inoltre, - fanno sapere ancora dalla Questura - quattro imprenditori sono stati denunciati a piede libero per aver installato un sistema di videosorveglianza senza l’autorizzazione dell’Ispettorato del lavoro di Agrigento e per non aver sottoposto alla prescritta visita medica un lavoratore minorenne e, nel complesso, sono state contestate sanzioni amministrative e ammende per 110 mila euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stretta sul lavoro nero nelle campagne agrigentine: denunce, controlli e multe da 110 mila euro

AgrigentoNotizie è in caricamento