Covid e braccianti in arrivo dall'Est, Di Ventura: "Controlli ai terminal bus"

Dopo il caso di positività registrato ieri a Ravanusa il sindaco di Canicattì chiede alla Prefettura di avviare attività specifiche di verifica

Ettore Di Ventura

Controlli ai terminal dei bus per verificare chi arriva dall'Est Europa. E' questa la proposta del sindaco di Canicattì Ettore Di Ventura formalizzata in una lettera al prefetto di Agrigento dopo il caso di Covid-19 registratosi a Ravanusa e che riguarda una donna romena impegnata come bracciante. 

In tanti, in questo periodo dell'anno, arrivano infatti nella nostra provincia per andare a lavorare nella campagne. "Come lei già sa - dice Di Ventura nella lettera - Canicattì è un territorio di rilievo per le attività agricole, particolarmente interessato dai numerosissimi trasferimenti di braccianti provenienti dall’estero, prevalentemente dall’ Europa Orientale.
La critica situazione sanitaria, registratasi in questi giorni nei Paesi dell’Est, ha spinto il Ministro della Salute a firmare un’ordinanza in cui si dispone che in tutto il territorio nazionale, i cittadini che provengono da Romania e Bulgaria, debbano porsi in quarantena. Questa misura è già vigente per tutti i paesi extra Eu ed extra Schengen. Il virus non è sconfitto e continua a circolare, per questo occorre ancora prudenza e attenzione. La maggior parte degli arrivi di persone provenienti dall’estero avvengono tramite autobus, quindi sarebbe necessario effettuare degli accertamenti al terminal, affinché si possano monitorare i flussi in arrivo di tutti gli stranieri che transitano per Canicattì".

Il Coronavirus non è ancora sconfitto: registrato un caso a Ravanusa

"Come responsabile della mia comunità - conclude Di Ventura - sono fortemente convinto che si devono mettere in campo tutte le azioni utili e necessarie per poter controllare al meglio le situazioni che si vanno verificando e quindi poter rasserenare tutti gli abitanti di quel vasto territorio a vocazione agricola che vede Canicattì come punto di riferimento, nonchè tutte quelle famiglie in cui si registra la presenza di badanti che accudiscono gli anziani, ovvero le persone più fragili, quelle maggiormente a rischio contagio Covid".

Di Ventura chiede quindi un'attività di presidio ai terminal dei bus per individuare per tempo eventuali portatori non asintomatici del virus. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Focolaio di coronavirus in casa di riposo, oltre 50 i positivi: Campobello è a rischio "zona rossa"

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, boom di contagi ad Aragona: 24 in un solo giorno e si arriva a 65 positivi, un'altra vittima a Canicattì

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento