menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Favara, consultorio per le donne e le famiglie immigrate

Il servizio offre assistenza alle donne immigrate nel loro percorso riproduttivo - gravidanza, interruzione volontaria di gravidanza, sterilità, problemi ginecologici - e ai neonati fino al primo anno di vita

"C’è posto per te": con questo slogan il consultorio Familiare del Centro donna "George Sand Onlus" di Favara  avvia un servizio dedicato alle donne e famiglie straniere e i loro bambini.

Il servizio offre assistenza alle donne immigrate nel loro percorso riproduttivo - gravidanza, interruzione  volontaria di gravidanza, sterilità, problemi ginecologici - e ai neonati fino al primo anno di vita. Si sviluppa all’interno del servizio consultoriale ma nel mese di ottobre si dedica un tempo specifico alle donne e famiglie immigrate:

- Il 29 settembre viene attivato un momento di formazione e di informazione ad un cospicuo gruppo di donne immigrate con un incontro al Consultorio Familiare del Centro Donna alle ore 16.00;

- nel mese di ottobre il consultorio dedica  tutti i pomeriggi dei martedì - dalle ore 15,00 alle ore 17,00 

- ad attività di servizio e di ascolto per le donne immigrate e le loro famiglie.

Le operatrici che operano sono donne e di varie professionalità: l'équipe è formata da una ginecologa, una ostetrica, un' assistente sociale, una psicologa e da una mediatrice linguistico culturale.

L'obiettivo di tale progetto è quello di facilitare le famiglie immigrate nell'accesso ai servizi materno infantili del territorio di Favara e aiutare gli operatori dei Servizi a soddisfare la richiesta sanitaria di una utenza, peraltro sempre più numerosa, che parla un'altra lingua, spesso a noi sconosciuta, e che proviene da culture molte volte distanti dalla nostra per tradizioni e significati rituali.

Il Consultorio Familiare del Centro Donna è a libero accesso, nel senso che la donna o la famiglia immigrata che vi accede viene accolta da una operatrice e dalla mediatrice culturale; la visita o la prestazione sanitaria viene eseguita se urgente, altrimenti viene fissato un ulteriore appuntamento, con l'intento di costruire una rete di invio per i problemi del post parto, dopo l'interruzione volontaria di gravidanza e per i problemi di contraccezione e di prevenzione ginecologica.

Responsabile del Servizio è la dottoressa Anna Milioto. Sarà aperto dalle 15 alle 17 del 6, del 13, del 20 e del 27 ottobre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento