Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cupa, "spese pazze" nella gestione Mifsud: indagini destinate ad allargarsi

L'attuale commissario dell'Ecua, Giovanni Di Maida: "Era difficile individuare come venissero usate le somme"

 

Presunte "spese pazze" al Consorzio universitario da parte dell'ex presidente Joseph Mifsud, l'inchiesta potrebbe coinvolgere anche altre persone.

Le "spese pazze" di MIfsud, "buco" da oltre 100mila euro

A non escludere l'ipotesi è l'attuale commissario dell'Ecua, Giovanni Di Maida, intervistato nella redazione di Agrigentonotizie. E' lui a ricostruire anche il percorso che lo ha portato a presentare una denuncia all'autorità giudiziaria per un presunto danno economico arrecato proprio negli anni dal 2009 al 2012 dal docente maltese, ammettendo che "nessuno avrebbe pensato che dietro la gestione di Mifsud vi fosse tutto questo".

L'ex presidente del Consorzio universitario coinvolto nel "Russiagate"

"Sono state depauperate le casse del Consorzio universitario - ha continuato Di Maida - non solo per le 'spese pazze' di Mifsud ma anche per alcune scelte sbagliate fatte anche in termini di consulenti di cui si poteva fare a meno". Di Maida spiega, ad AgrigentoNotizie, come fosse difficile all'epoca comprendere l'esistenza di uscire "dubbie" perché queste "venivano caricate su capitoli generali che riguardavano spese di funzionamento con accreditamento direttamente sul contro del Consorzio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento